02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Quotidiano Nazionale

Enoturismo protetto ... Arriva (finalmente) la legge sull’enoturismo. Con l’approvazione della Manovra in Senato per il 2018 arriva il primo storico quadro normativo, dopo 25 anni di attività. Il settore, che oggi genera un indotto di quasi 3 miliardi l’anno, si vede riconosciuta la possibilità di fatturare degustazioni, visite in cantina, pacchetti enoturistici e vendente esperienziali, equiparando la disciplina fiscale di queste pratiche a quella delle attività agrituristiche. Per la filiera si tratta di una rampa di lancio - la più avanzata in Europa - fondamentale per il futuro, che andrà ora meglio definita attraverso le modalità attuative e con l’iter parlamentare del disegno di legge Stefano. Quest’ultimo, oltre alle discipline già approvate, aggiungerà altri elementi importanti quali la certificazione e la formazione degli operatori enoturistici, la cartellonistica stradale, la creazione di un osservatorio sull’enoturismo. “È un grande suocesso - spiega Dario Stefano, capogruppo in Commissione Agricoltura di Palazzo Madama e promotore della legge che dà dignità a una branca di un settore strategico che in Italia vale più di 2,5 miliardi di euro all’anno e che ora è destinato a crescere esponenzialmente nei prossimi. Si parlava da tempo di norme per l’enoturismo: oggi c’è una legge che è finalmente realtà. L’obiettivo era disciplinare l’attività di centinaia di aziende italiane e valorizzare i territori di produzione che ospitano oltre 15 milioni di turisti e winelovers ogni anno”. Ora - conclude Stefano - dobbiamo concentrarci sull’istruzione e sulla formazione per irrobustire la cultura del vino e diventare leader assoluti nel mondo”. Il presidente dell’Unione italiana vini, Ernesto Abbona, ha commentato: “Confido si possa costituire a breve un tavolo che coinvolga mai i soggetti in grado di dare un contributo alla definizione dei decreti attuativi previsti dalla norma”. Per il presidente del Movimento turismo del vino, Carlo Pietrasanta: “Da oggi l’enoturismo è adulto. Che l’enoturismo sia un complesso di attività riconosciuto dalla legge italiana è un grande passo, il coronamento di 25 anni di attività e di questo dobbiamo ringraziare in primis il senatore Stefano”. Per il presidente di Città del vino, Floriano Zambon: “Ora l’auspicio è che si arrivi in tempi brevi alle norme attuative e quindi alle competenze specifiche, oltre ovviamente alla definizione delle capacità applicative”. Infine la presidente della Federazione italiana vignaioli indipendenti, Matilde Poggi si dice “molto soddisfatta che sia regolato quello che noi, vignaioli indipendenti, facciamo da tempo, aprendo le pone delle nostre cantine a coloro che vogliono degustare i nostri vini”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli