02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Repubblica / Affari & Finanza

Geopolitica record per lo champagne … Annata record per lo champagne. Dopo anni di “tre per due”, in concomitanza con le fasi peggiori della crisi mondiale, le bottiglie spedite dalle cantine della Champagne nel mondo, Francia inclusa, nel 2017 sono state 307 milioni e 300 mila , in crescita rispetto ai 306 milioni dell’anno precedente, per un giro d’affari di 4,9 miliardi di euro che rappresenta la miglior performance commerciale nella storia di questo prodotto. Numeri contati, non stime: il Civc, Comité Champagne, organismo semipubblico che riunisce tutte le maison e tutti i viticoltori, misura le spedizioni reali in uscita dalle cantine. L’export vola, ma è cambiata la geopolitica delle prestigiose bollicine francesi. In Giappone, probabilmente complice la ripresa, le vendite si sono impennate, facendo rilevare un balzo di 21,3% a valore, del 17,6% in migliaia di bottiglie. Ancora di più cresce l’Australia con un incremento a valore del 23% contro una crescita delle bottiglie del 15,5%. I numeri parlano: in questi paesi tirano di più i marchi griffati. Un trend che riguarda anche altri mercati. Nel Regno Unito, che resta il primo mercato per numero di bottiglie, si registri un crollo proprio dei volumi dell’11%, ma quasi la metà a valore Gli esperti lo spiegano così: il mercato discount ha subito l’impatto della perdita di valore della sterlina ma, contemporaneamente sono salite le vendite di champagne più nobili. L’Italia, che è tornata ad essere il quinto paese per giro d’affari dello champagne, è cresciuta a valore del 9,7%.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli