02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

SETTECORRIERE.IT

Il rinoceronte che cavalca l’onda del Timorasso … Rivetti e la rimessa del bilancio autoctono piemontese… “Sull’Alta Langa avevamo già piantato le nostre bandiere. Mi sono chiesto: perché non provare con la stella nascente dei bianchi piemontesi?”. Giorgio Rivetti, esponente dei Barolo Boys con l’azienda La Spinetta ( un gruppo di 300 ettari con quattro cantine in Piemonte e Toscana), cavalca l’onda del Timorasso, riscoperto da Walter Massa negli Anni 80. Molti produttori piemontesi (e non solo) hanno investito sui Colli Tortonesi, nella Doc Derthona. Il mezzo ettaro di vigna di Timorasso che resisteva nel 1987 si è moltiplicato: 200 ettari e 600 mila bottiglie. “All’inizio ho acquistato 26 ettari di terra incolta”, racconta Giorgio. “Il Timorasso è un vitigno difficile, serve cultura contadina, non è un gioco, in due anni il valore della terra è raddoppiato. Presto i 26 ettari saranno in produzione”. Gli ettari intanto sono diventati 35. Sarà costruita anche una cantina nel comune di Montemarzino. Le vigne si trovano a una altitudine di 400-450 metri, “perché il riscaldamento globale ci spinge verso l’alto”, spiega Rivetti. “Siamo entrati in punta di piedi in questa avventura, presto arriverà in cru”. La prima annata del Piccolo Derthona Timorasso della Spinetta (nell’etichetta c’è il simbolo aziendale, un rinoceronte disegnato da Dürer) è stata la 2019: la caratteristica e lieve nota di idrocarburo sfuma nei profumi agrumati. È sapido e robusto, senza spingere sulla forza alcolica. “Avrà una lunga vita, almeno 20 anni”, promette Rivetti, che ne decanta “la complessità minerale”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Pubblicato su

Altri articoli