02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Style / Corriere Della Sera

Il vino ... Bolle da spiaggia ... Ora c’è uno Champagne pensato apposta per l’estate. Da degustare nelle “station” della maison ... “Pétillant”, dicono i francesi. Come lo champagne o come l’estate, la stagione delle vacanze. Effervescente per definizione. Madame Pommery, che nel lontano 1858 raccogliendo l’eredità del marito parti da Reims in Francia alla conquista dei mercati internazionali, amava definire il suo champagne in due parole: “Raffinata leggerezza”. E in un’epoca in cui dominava il gusto dolce, la richiesta della signora allo chef de cave fu perentoria: “Vogliamo un vino che sia il più secco possibile ma al tempo stesso morbido. Amabile, vellutato, armonico”. È trascorso più di un secolo e mezzo dalla creazione del primo brut millesimato della storia dello champagne, il Pommery Nature 1874. È lo stile che oggi ritroviamo nella Cuvée Louise (dai tre più importanti grand cru della regione della Champagne), prodotta soltanto nelle annate super, in quantità limitatissime, Non è casuale, quindi, se a guidare una degustazione unica - verticale di cinque annate, comprese tra il 1990 e il 2000 - all’hotel Danieli di Venezia sono stati chiamati i migliori sommelier italiani. L’estate pétillant, certo, è meno impegnativa di una degustazione per intenditori. Ma la flùte di champagne fra le mani piace a tutti. Per il 2013, Pommery propone Summertime, blanc de blancs da bere a temperatura di otto-dieci gradi. Ancora meglio se sorseggiato nei luoghi selezionati dalla Maison, mete glamour in luoghi suggestivi, eleggendole Luxury Champagne Station. Approdi di gusto, da Nord a Sud, dove le bottiglie di “raffinata leggerezza” di Madame Pommery sono assicurate: a Venezia, sulla terrazza del Westin Hotel Europa & Regina, al Beach Club del Capri Palace a Capri (Na), al Forte Village Resòrt di Santa Margherita di Pula, provincia di Cagliari (qui la champagneria è dedicata proprio alla Cuvée Louise), al Verdura Golf Hotel & Resorts di Sciacca (Ag). Inoltre: alla Tenuta Castello di Casole, nel Chianti, e al resort Villa Agrippina Gran Melié di Roma.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli