02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

VenerdÌ Di Repubblica

La Bottiglia ... Il pinot nero si arrampica in montagna ... Azienda familiare e molto dinamica, Castelfeder. Una stirpe di enologi: nonno Altons Giovanett è il fondatore, nel 1970, poi il figlio Gunther oggi alla guida con i nipoti Ines e lvan (laureato, a Trento e Wiesbaden). Ragazzi con le idee chiare: Ines è in partenza per gli Usa, per seguire l’export. Ivan, innamorato di Riesling e Pinot nero, su segnalazione del nonno ha comprato un vigneto abbandonato di cinque ettari in Germania (Mosella) con una pendenza dell’80 per cento. Senza trascurare il lavoro a casa, dove bianchi e rossi si dividono la scena. Quasi tutte le Doc sono ottimamente rappresentate. Abbiamo scelto il Pinot nero riserva Burgum novum, della linea nata per ricordare la fondazione di Egna, 800 anni fa. Nasce da vigne tra i 550 e i 700 metri di quota, ad alta densità d’impianto. Lunga fermentazione con macerazione e affinamento (barrique e poi vetro) di quasi due anni. Nell’ampio calice, colore intenso, profumi varietali di frutti di bosco, con respiro balsamico. Gusto pieno, profondo, appagante. A Merano (Bolzano) da Wein, Vino, Wine, a Milano da L’altro vino sui 21 23 euro.


Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli