02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Ventiquattro / Il Sole 24 Ore

Uno Chardonnay al sapor tropicale ... All’Enoteca di Firenze, negli ultimi anni, le scelte dei clienti si indirizzano al 60 per cento sui vini rossi; al 30 per cento sulle bollicine, con netta prevalenza degli Champagne rispetto agli italiani Trento e Franciacorta; al 10 per cento circa sui vini bianchi e da dessert. E una ripartizione confermata da tutti gli ospiti che arrivano da ogni parte del mondo e che fa capire la tendenza delle preferenze tra le varie tipologie di vino. La scelta così ristretta dei vini bianchi si attribuisce al loro fascino meno affermato, non certo a una minor piacevolezza o ad abbinamenti assolutamente insostituibili. Trovo difficile, se non impossibile, accostare un grande vino rosso alle ostriche o a fragranti mazzancolle del Tirreno, quando ideale è il vino bianco che trova alternative solo con gli spumanti. Il vitigno chardonnay origina i più grandi bianchi del mondo, coltivato in ogni angolo di terra idoneo alla viticoltura. Originario della Bourgogne, ha trovato nel Collio Goriziano un habitat idoneo per ottime performances. Nicola Manferrari. farmacista di professione e caparbio vignaiolo, ottiene nella sua Azienda Borgo del Tiglio uno Chardonnay Doc di notevole interesse organolettico. In questo vino, le note profumate di frutta tropicale emergono nette e sono contornate da piacevoli sentori di vaniglia; corpo burroso, ricco, con sconfinata persistenza e preciso riscontro olfattivo. Come tutti i grandi vini, merita almeno tre anni d’attesa dalla vendemmia, prima di esaltarsi con crostacei e pesci a polpa bianca. Nei suoi sei ettari (e con l’apporto di altri 2,5 in affitto) Manferrari produce 30/35mila bottiglie ogni anno, in una gamma di 13 vini diversi. Mi rammarico per la limitata produzione di sole tremila bottiglie del suo Chardonnay Selezione e lo invito a raddoppiarne la produzione, rinunciando magari a sperimentare con altri vitigni.

AZIENDA AGRICOLA BORGO DEL TIGLIO

FRAZIONE BRAZZANO, VIA SAN GIORGIO 71
34070 CORMONS (GO)

Giorgio Pinchiorri

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli