02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Amelio Livio, Docg Ruché di Castagnole Monferrato Primordio 2016

Vendemmia: 2016
Uvaggio: Ruchè
Bottiglie prodotte: 7.000
Prezzo allo scaffale: € 15,00
Proprietà: Amelio Arianna e Daniela
Enologo: Mario Redoglia
Territorio: Castagnole Monferrato

Attorno alla tavola ci sono Marisa, con le figlie Daniela e Arianna, titolari della storica azienda da un paio d’anni. Papà Livio è in vigna, ci raggiungerà al termine dei lavori. Avevo già incontrato Daniela e sorriso alle sue schermaglie umoristiche con alcuni produttori della zona. Occhi vivissimi e battuta pronta, Daniela si diploma enotecnico, lavora in azienda e contemporaneamente, per ampliare le sue conoscenze, in un laboratorio di analisi enologiche come analista. La cantina, piccola e con il minimo indispensabile, l’avevo appena visitata; le vigne, su 7 ettari, le avevo camminate. Siamo a Grana, paesucolo di quasi 600 anime, uno dei comuni di produzione di una delle ultime Docg del Piemonte, il Ruché di Castagnole Monferrato. Nulla a che vedere con il paese immaginario ai piedi del monte Rosa dov’è ambientato il romanzo Le otto montagne di Cognetti. Qui semmai si dovrebbe citare il libro Il vino del Papa, ma se proprio di religione dobbiam parlare, meglio ricordare don Giacomo Cauda, il prete-contadino e parroco di Castagnole Monferrato che “resuscitò” il Ruché dall’oblio. Ora al desco ci siam tutti, pronti per i Ruché d’antan. Nonno Carlo, svela Daniela, è morto a 94 anni… che c’entri il Ruché? Eh sì, perché il Ruché invecchia bene pure lui! Ci concentriamo sul 2016, autoriale ed esemplificativo: un Ruché dai classici richiami di rosa e mora di gelso, fresco, succoso e radioso al sorso.

(Alessandra Piubello)

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli