02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Benoît Cocteaux, Aoc Champagne Brut L'Alliance

Uvaggio: Chardonnay, Pinot Nero
Bottiglie prodotte: 10.000
Prezzo allo scaffale: € 50,00
Proprietà: Hélène e Benoît Cocteaux
Enologo: Benoît Cocteaux
Territorio: Champagne

Hélène e Benoît Cocteaux sono Récoltants-Manipulants a Mongenost: coltivano e vinificano dunque la propria uva in un comune all'estremo sud dell'areale di Sézanne, a sua volta costa meridionale della Côte des Blancs. La particolare posizione geografica fa si che Mongenost sia il primo villaggio da cui parte la vendemmia. I terreni sono ricchi di gesso puro e pertanto molto indicati per la coltivazione dello Chardonnay (che infatti qui risulta l'uva più coltivata della zona al 94%). I Cocteaux possiedono 10 ettari suddivisi fra la Côte de Sézanne e la Côte des Blancs (dedicate allo Chardonnay), la Côte Barséquanaise e la Valle della Marne (coltivati a Pinot Nero e Pinot Meunier), eredità delle due famiglie di origine, entrambe da tre generazioni legate alla viticoltura di zona. In vigna si evitano insetticidi e ogni appezzamento viene vinificato in tini separati dove fermentazione alcolica e malolattica avvengono contemporaneamente. Il Brut Alliance, in particolare, vinificato in acciaio, è un blend di tre annate diverse, provenienti dalle vigne di Montgenost per lo Chardonnay e da Verpillieres-sur-Ource nell'Aube per il Pinot Nero: giallo dorato con riflessi rosa, profuma di pasticceria, pera e limone candito; il sorso, inizialmente dolce, sviluppa note vegetali e floreali sostenute da una bollicina cremosa e un'anima sapida. Consolazione perfetta per una giornata difficile, possibilmente con un'amica.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli