02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Borgoluce, Docg Valdobbiadene Prosecco Gaiante

Uvaggio: Glera
Bottiglie prodotte: 10.000
Prezzo allo scaffale: € 10,00
Proprietà: Lodovico Giustiniani
Enologo: staff tecnico aziendale
Territorio: Valdobbiadene

L’elenco sarà necessario, e comunque non noioso. Perché alla fin fine, più di tanti commenti comunque soggettivi e opinabili, sono i dati certi a contare. Ecco perché raccontare di Borgoluce significa in primis parlare di un paradiso terrestre: fatto di boschi, frutteti, semine, pascoli, suini, ovini, bovini, vigneti, rivoli d’acqua, strade bianche ed erbe e fiori d’ogni tipo. Un contesto da fiaba, dove ovviamente non mancherà ospitalità adeguata, che supera i milleduecento ettari e che, nonostante i numeri e l’articolazione del progetto, ruota attorno all’ecosostenibilità ambientale e alla conduzione biologica: anche per quanto concerne il vino, ovviamente, che di recente ha visto la conversione alla biodinamica di diciassette ettari persino negli impianti più pianeggianti, quindi in condizioni viticole bisognose di maggior attenzione. A rendere ulteriormente l’idea basterà ancora citare l’autonomia di molta parte della tenuta e della cantina, basata su impianti fotovoltaici e a biomassa. Onore al merito, quindi a Lodovico Giustiniani - e a tutti coloro che operano con lui -, che oltre ad alcuni vitigni internazionali punta logicamente sulla Glera. Sempre divertentissimo, al riguardo, questo Gaiante: “col fondo”, com’usa dire, per la presenza in bottiglia dei sedimenti naturali dovuti alla rifermentazione, è floreale e fruttato, con ricordi lievitati e di crosta di pane.

(Fabio Turchetti)

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli