02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
UN WHISKY PER BENEFICENZA

Bottura crea una bottiglia unica di whisky con The Dalmore: Sotheby’s la vende per 108.900 sterline

Il ricavato dell’asta, battuta a Londra, andrà interamente in beneficenza a “Food for Soul”, la onlus di Bottura che aiuta le persone in difficoltà

Sembrerebbe quasi che Massimo Bottura, lo chef n. 1 al mondo con la sua tristellata Osteria Francescana a Modena, sia il Re Mida della gastronomia, che tutto ciò che tocca, o tutto ciò a cui partecipa, diventa dorato e di successo. E funziona anche con il mondo del beverage, non proprio il suo settore d’azione principale: lo chef, come si legge su The Drinks Business, ha infatti firmato una bottiglia di prestigioso whisky prodotto da The Dalmore. La bottiglia, chiamata “L’Anima”, è stata battuta all’asta da Sotheby’s a Londra per ben 108.900 sterline. E il “tocco” magico non è finito qui: perché Bottura non è solo uno dei migliori chef del mondo, ma è anche sostenitore di tanti progetti in aiuto delle persone in difficoltà, primo tra tutti la sua associazione “Food for Soul”, con la quale ha aperto in giro per il mondo i Refettori, dove ogni giorno migliaia di poveri e sfortunati hanno pasti gratuiti. E proprio a “Food for Soul” sarà devoluta la cifra da capogiro, ottenuta dalla vendita del blend unico di 3 “espressioni”.
“Oltre alla straordinaria vendita - ha commentato lo chef - sono molto felice che questo progetto unico supporterà Food for Soul, per costruire progetti che celebrino la cultura e le potenzialità delle comunità in giro per il mondo”.
“Questa, è una bottiglia unica per The Dalmore: quando Massimo ed io – ha raccontato Richard Paterson, master distiller della The Dalmore - ci siamo incontrati per la prima volta, abbiamo discusso a lungo su questa collaborazione, ed è stato subito chiaro come condividessimo la passione di celebrare la vita creando qualcosa di speciale nel food & beverage. E questa passione, è stata catturata nell’unicità della bottiglia”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli