02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Casale del Giglio, Lazio Igt Rosso Mater Matuta 2015

Vendemmia: 2015
Uvaggio: Syrah, Petit Verdot
Bottiglie prodotte: 28.000
Prezzo allo scaffale: € 30,00
Proprietà: Antonio Santarelli
Enologo: Paolo Tiefenthaler
Territorio: Lazio

Il Syrah è, insieme al Grenache, il vitigno principale della Francia meridionale, la base di quell’oceano di Côte de Rhône che fornisce i vini delle trattorie, taverne e bar di tutto il paese. Il vino per le tasche di tutti, di buona beva ma raramente esaltante. Raggiunge livelli di eccellenza in soli pochi posti, al sud di Lione per essere precisi, e si accontenta così. Stesso discorso in Italia: gli anni Novanta hanno visto un vero e proprio boom della varietà in tante zone dello Stivale: molti vini buoni, ma pochi notevoli. Forse una questione di terra, ma più probabilmente di clima: il vitigno richiede calore, ma non in eccesso e in aree più calde rischia di sapere di confettura e alcool, diventando “meridionale”, anziché solare. Un grande e incontestabile successo però è stato raggiunto dalla azienda Casale del Giglio, nata in quell'Agro Pontino bonificato da coloni veneti con una certa familiarità con le varietà francesi. Qui il clima sembra giustissimo e le operazioni di cantina, tutte di grande professionalità. Il Syrah è vinificato per massimizzare il frutto, mentre il Petit Verdot è fermentato in maniera più intensa, per portare concentrazione, profondità e la giusta spina dorsale di tannini. More e un tocco di prugna al naso arricchite dalle, leggerissime, erbe e spezie della barrique; potente, solido e rotondo al palato. Impeccabile il lavoro di Paolo Tiefenthaler.

(Daniel Thomases)

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli