02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Castello della Sala, Umbria Igt Muffato della Sala 2016

Vendemmia: 2016
Uvaggio: Sauvignon Blanc, Grechetto, Traminer, Sémillon, Riesling
Bottiglie prodotte: 36.000
Prezzo allo scaffale: € 33,00
Proprietà: famiglia Antinori
Enologo: Massimiliano Pasquini
Territorio: Umbria

La Tenuta del Castello della Sala, acquistata nel 1940 dalla famiglia Antinori, può contare su 160 ettari a vigneto, da cui sono ottenute mediamente oltre 750.000 bottiglie. Non è un mistero che, per molti appassionati, se non per tutti, questa azienda sia sinonimo di vini bianchi e, soprattutto, sia la culla del Cervaro della Sala. Un vino, presto diventato un modello, con cui la cantina (con sede a Ficulle, in Umbria) ha anche raggiunto un posto significativo tra i migliori bianchi non solo del Centro Italia. Con il tempo è arrivata a compimento anche la valorizzazione della Doc Orvieto, dove brillano tipologie affascinanti come i vini dolci e in particolare quelli ottenuti da muffe nobili. Ecco allora, a confermare lo spessore nel panorama bianchista del Bel Paese della dependance umbra degli Antinori, che arriva l’eccellenza anche in questa tipologia. Il Muffato della Sala 2016 a guardarlo volteggiare con lenta opulenza nel bicchiere, non stupirebbe se prima o poi non svelasse la gemma preziosa che sembra donargli gli abbacinanti riflessi brillanti. Inconfondibile il naso dove nitidamente coabitano in armonia frutta a polpa gialla e fiori d’agrumi, buccia d’arancia candita e spezie, pasticceria e rimandi minerali. Il sorso serico brilla per l’estrema eleganza scandita da una sapida ed avvolgente acidità, che sostiene una struttura ma soprattutto un corredo aromatico di rara ampiezza e persistenza.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli