02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Ceretto, Docg Barolo Brunate 2016

Vendemmia: 2016
Uvaggio: Nebbiolo
Bottiglie prodotte: 13.000
Prezzo allo scaffale: € 110,00
Proprietà: famiglia Ceretto
Enologo: Alessandro Ceretto
Territorio: Barolo

Maturato in legno grande e tonneau per 24 mesi, il Barolo Brunate 2016 possiede naso dal tocco fruttato che sa di ciliegia e fragola, con cenni di viola, liquirizia e noce moscata ad aggiungersi con la permanenza nel bicchiere. In bocca, il sorso è ampio e profondo, i tannini ben scanditi e il finale persistente ancora sul frutto e con nota balsamica di rifinitura. A partire dagli anni Trenta e passando da Riccardo a Bruno e Marcello, che ha acquistato i vigneti e ha iniziato l’imbottigliamento dei singoli Cru, per arrivare ad Alessandro, che, a partire dalla certificazione biologica (datata 2010), sta guardando ad un più stretto rapporto con l’ambiente, la famiglia Ceretto è una delle dinastie di riferimento del Piemonte enoico ed oggi possiede 130 ettari a vigneto tra Langhe e Roero, da cui ricava in media 900.000 bottiglie. Una produzione incentrata saldamente sulle Docg principali della Regione, Barolo (11 ettari suddivisi tra i Cru Cannubi San Lorenzo, Bricco Rocche, Brunate, Prapò) e Barbaresco (8 ettari con i Cru Asili e Bernadot). Quattro sono le cantine: Bricco Rocche nel Comune di Castiglione Falletto, Bricco Asili a Barbaresco, Monsordo a Bernardina d’Alba, Vignaioli di Santo Stefano, a Santo Stefano Belbo. I vini, di esecuzione impeccabile, contano su una definita cifra stilistica e sono ottenuti con pratiche enologiche poco invasive, affinandosi sia in legno grande che piccolo.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli