02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Ciro Picariello, Docg Fiano di Avellino 2017

Vendemmia: 2017
Uvaggio: Fiano
Bottiglie prodotte: 25.000
Prezzo allo scaffale: € 17,00
Proprietà: famiglia Picariello
Enologo: Ciro Picariello
Territorio: Avellino

Quando si parla di simboli enoici, il nome di Ciro Picariello non è mai di troppo. Ecco perché ogni volta che si volessero gettare sul tavolo nomi e cognomi, fra quelli che con il loro lavoro hanno rappresentato al meglio quanto un vitigno e un territorio potrebbero raccontare, il rischio di ripetersi è dietro l’angolo: perché sempre con Ciro Picariello dovremmo andare a impattare, pur se ovviamente con grande piacere. Ciro e il suo Fiano, innanzitutto: anche se con Greco o Falanghina non è che comunque qui si proceda con minor passione. Un approccio alla materia che deve molto anche a Rita, moglie del Nostro: così come ai figli Emma e Bruno, oggi partecipi del credo e dell’operato aziendale. Gran parte della produzione arriva da oltre seicento metri d’altitudine: frutto anche di vigne a piede franco, di oltre ottant’anni d’età, disposte sul percorso che sale verso la Torre Angioina, elemento distintivo della cittadina avellinese di Summonte. Tant’è che è impossibile non menzionare la vecchia vigna allocata a Campo di Maio, capace di regalare un colpo d’occhio di bella suggestione. Fiano, si diceva, e ad alti livelli: toni affumicati e di torba si legano a ricordi di fiori bianchi, mela, nocciola, fieno e pietra focaia, anche per via di una sosta sulle proprie fecce fini, protrattasi per una decina di mesi. Foriera di un palato potente, succoso, avvolgente e profondo.

(Fabio Turchetti)

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli