02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
GRANDI ACQUISIZIONI

Constellation Brands investirà 4 miliardi di dollari nella Canopy Growth, regina della cannabis

Il maxi gruppo, proprietario di molti marchi del mondo enoico e della birra Corona, acquisirà il 38% del gruppo canadese rendendolo leader del settore
CANNABIS, CANOPY GROWTH, CONSTELLATION BRANDS, Mondo
Il colosso del beverage Constellation Brands entra nel business della cannabis

Dalla sua legalizzazione, cominciata qualche anno fa nei primi Stati degli Usa, ma che adesso ha raggiunto diversi Stati europei e mondiali, la cannabis si è rivelata subito essere un business promettente e florido. La richiesta del prodotto è in crescita, tanto che in tanti si sono lanciati nel business, grandi nomi compresi. Quello che sembrerebbe fare più “rumore” è quello del gruppo di beverage Constellation Brands, proprietario, tra le altre, della birra Corona, ma anche di molti marchi del mondo enoico da ogni parte del globo, come Ruffino, Kim Crawford Wines, Wild Horse Winery e molti altri. Il maxi gruppo sembra volersi espandere nel mondo della cannabis, investendo 4 miliardi di dollari nella canadese Canopy Growth, e acquisendo il 38% delle azioni. In questo modo, secondo il gigante del beverage, la compagnia diventerebbe il leader globale nella produzione di cannabis, ma anche in termini di marchio, proprietà intellettuale e vendita al dettaglio.
Constellation Brands deteneva già, dal 2017, il 9,9% delle azioni: visto però l’incredibile escalation della compagnia canadese che, dalla sua fondazione nel 2013 in Ontario è oggi presente in ben 11 Stati in tutto il mondo, ha deciso di investirci molto di più. E non è la prima azienda nel mondo del vino, della birra o comunque del beverage, che decide di investire nel mondo della cannabis: la sua legalizzazione in molte parti del globo lo ha reso un mercato attraente, e sempre più bevande a base di cannabis arrivano sul mercato.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli