02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Contrade di Taurasi, Docg Taurasi Vigne d’Alto 2012

Vendemmia: 2012
Uvaggio: Aglianico
Bottiglie prodotte: 1.500
Prezzo allo scaffale: € 48,00
Proprietà: Enza e Antonella Lonardo
Enologo: Vincenzo Mercurio
Territorio: Taurasi

Pochi potrebbero o vorrebbero contestare il fatto che l’Aglianico è la più grande varietà d’uva a bacca rossa del Meridione italiano. Ed è altrettanto incontrovertibile che la denominazione storicamente più famosa e più prestigiosa del Sud sia il Taurasi, che domina le produzioni di alta qualità, non solo della provincia di Avellino e della Campania, ma di tutta questa parte dell’Italia con i suoi vini densi, potenti, longevi e di una classica nobile austerità. L’appellazione più contare solo su poco più di 300 ettari di vigneti iscritti alla DOCG, ma è molto estesa, inglobando 17 comuni diversi. L’epicentro, in un certo senso, è il comune di Taurasi che ha dato il proprio nome a tutta la zona di produzione. Diverse case di un notevole livello qualitativo e di rinomanza operano entro i confini comunali, ma i vini della famiglia Lonardo, agricoltori da secoli e da trent’anni viticoltori appassionati, riscuotono un consenso unanime, una stima condivisa universalmente per l’elevato carattere e la personalità dei loro vini. Che sfuggono – fortunatamente – da categorizzazioni semplicistiche e dicotomiche di tipo tradizionale o moderno, territoriale o internazionale. Come nel caso del Taurasi Vigne d’Alto, risultato di una viticoltura ed enologia assolutamente superiori, sontuoso ma mai pesante, concentrato ma mai ruvido, quintessenziale espressione della grande uva e del grande territorio che gli danno i natali.

(Daniel Thomases)

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli