02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL MERCATO DI CINA

Contrordine compagni: le dogane cinesi rivedono i dati, 2018 positivo per l'Italia del vino

Lo rende noto lʼIce di Pechino. Belpaese unico esportatore Ue in attivo ma resta quinto fornitore. Giù Francia e Spagna, crescono Cile e Australia
CINA, EXPORT, ICE PECHINO, ITALIA, vino, Mondo
Le dogane cinesi rivedono al rialzo il 2018 delle importazioni, Italia chiude in positivo

Contrordine compagni: le dogane cinesi hanno rivisto i dati sulle importazioni di vino 2018, e la notizia confortante è che lʼItalia non solo non è in territorio negativo, ma anche la migliore, in termini di crescita dei valori, dei Paesi Ue. A comunicarlo lʼIce di Pechino, che sottolinea comunque come “resta la preoccupazione per un rallentamento generale della domanda cinese registrato nellʼultimo trimestre dellʼanno e ancor più nellʼultimo mese del 2018, anche quale effetto indiretto della guerra commerciale in corso con gli Stati Uniti”.
In ogni caso, il dato che emerge è che il Belpaese ha chiuso con una crescita del 4,6% in valore sul 2017, a quota 168 milioni di dollari. Ma resta, comunque, il quinto Paese fornitore. In testa cʼè, saldamente, la Francia, che nonostante una perdita del -3,12%, chiude a 1,06 miliardi di dollari in valore, lontana dallʼAustralia, secondo fornitore, che però cresce del 7,3%, a 782 milioni di dollari, così come il Cile, terzo, che fa +14,5%, a 376 milioni di dollari, con un evidente effetto positivo, per questi due Paesi, degli accordi commerciali stretti con la Cina. Crolla la Spagna, quarto fornitore, appena davanti allʼItalia, con 169 milioni di dollari, a -12,6%.
Risultati, comunque, per tutti deludenti, dopo un primo semestre 2018 che faceva sognare, con tutti i Paesi in crescita, dal +9% della Spagna al +40% dellʼAustralia, passando per il +13,5% della Francia, il +22,3% del Cile ed il +25,4% dellʼItalia.
Segno di un mercato che, per il vino, è importante, ma ancora tuttʼaltro che affidabile e maturo, e dove dinamiche che esulano da quelle strettamente legate al mondo di Bacco, possono cambiare lo scenario nel giro di poche settimane.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli