02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Enrico Druetto, Vino bianco Preja 2019

Vendemmia: 2019
Uvaggio: Baratuciat
Bottiglie prodotte: 1.500
Prezzo allo scaffale: € 30,00
Proprietà: Enrico Druetto
Enologo: Enrico Druetto
Territorio: Alessandria

Il genius loci di Enrico Druetto l’ha portato sotto una «topia», un pergolato d’uva, di Almese, comune della Val Susa poco a Nord di Torino. Era febbraio 2009 e Giorgio Falca stava potando alcune viti a piede franco di Baratuciat, vitigno antico e quasi scomparso. Enrico lo conosceva perché aveva letto un articolo di Paolo Massobrio, entusiasta da un assaggio casuale. S’incuriosì, si fece dare alcuni tralci e li portò in vivaio. Iniziò così: la farmacia a Murisegno, la vigna ad Alfiano Natta a casa del nonno. La prima vigna sperimentale fu spazzata via nel 2012 da una violenta grandinata. Ma da quel che rimaneva iniziarono a gettare nuovi tralci. Oggi sono 3000 metri. Qui nasce il Preja, vinificato solo in acciaio e affinato in tonneaux. La prima vendemmia nel 2013: «Da subito ho capito che il Baratuciat è un vino straordinario con un’ossidazione raffinatissima che va controllata con l’affinamento. Occorre tempo per sviluppare tutti i potenziali: le note balsamiche, idrocarburiche e di canfora». Enrico ha in progetto di fare un Baratuciat che uscirà tra 10 anni. Ha già iniziato con la Slarina, altro vitigno raro: «Si adattano al Monferrato: hanno una maturazione tardiva, sopportano bene il caldo e lo stress idrico, resistono alla peronospora. Danno vini di grande complessità e di lunga conservazione». Un bel corpo, note di pesca matura, di menta, di idrocarburo. Sperimentato con un carpaccio di bottarga.

(Fiammetta Mussio)

Copyright © 2000/2023


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2023

Altri articoli