02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Graci, Doc Etna Rosso Arcuria 2017

Vendemmia: 2017
Uvaggio: Nerello Mascalese
Bottiglie prodotte: 5.600
Prezzo allo scaffale: € 38,00
Proprietà: Alberto Aiello Graci
Enologo: Alberto Aiello Graci, Emiliano Falsini
Territorio: Etna

Un intimo rapporto con il proprio territorio. Terreni sul versante nord dell’Etna, a Passopisciaro; vigne tra i 600 e gli oltre 1.000 metri sul livello del mare, alcune addirittura a piede franco; solo vitigni della tradizione del vulcano. Questa, in sintesi, la ricetta proposta da Alberto Aiello Graci, un catanese trapiantato a Milano ad occuparsi di finanza, che ha poi deciso di tagliare i ponti con la capitale finanziaria italiana e tornare alle origini, nel 2004, immergendosi in uno degli spaccati più affascinanti dello scenario enoico siciliano. Oggi l’azienda ha un’estensione a vigneto di 18 ettari, coltivati a biologico, per 65.000 bottiglie di produzione media annua, divisi tra quelli che circondano la cantina (la fetta più grande concentrata in contrada Arcurìa), un vigneto di 80 anni in contrada Feudo di Mezzo più due ettari di secolari alberelli franchi di piede in contrada Barbabecchi tra i 1.000 e i 1.100 metri di altezza sul livello del mare. Il vino bandiera aziendale resta l’Arcurìa. Un Nerello Mascalese affinato per 18 mesi in legno grande che, nella versione 2017, interpreta con raffinatezza un’annata che sull’Etna resterà probabilmente memorabile. Ha un bel colore rubino brillante, non troppo carico, profumi di fragoline, mirtilli, cenere, con tocchi di pietra focaia a rifinitura. In bocca, è nervoso al punto giusto, fine, profondo, dalla polpa succosa e di grande energia.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

TAG: ETNA, GRACI, ROSSO

Altri articoli