02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Gravner, Venezia Giulia Igt Bianco Breg 2011

Vendemmia: 2011
Uvaggio: Sauvignon, Pinot Grigio, Chardonnay e Riesling Italico
Bottiglie prodotte: 3.000
Prezzo allo scaffale: € 75,00
Proprietà: Francesco Joško Gravner
Enologo: Francesco Joško Gravner
Territorio: Collio

Queste sono tra le ultime bottiglie, poi arriverà il 2012. Dopodiché il Breg Bianco scomparirà per lasciare posto alla Ribolla Gialla. Anzi, i vigneti dell'uvaggio attuale neanche esistono più. Josko Gravner ha espiantato tutti gli internazionali tra il 2011 e il 2012. Al loro posto sta prendendo piede il bosco. Solo un paio di ettari saranno destinati ancora a vigneto, mentre il resto contribuirà a un ecosistema più ricco. Spiace pensare che un vino tanto buono mancherà dal panorama delle etichette italiane, ma al contempo suscita ammirazione la scelta del mitico produttore di Oslavia, non nuovo a cambiamenti a radicali. Un'annata bella, come lo stesso vignaiolo ha dichiarato, un autunno asciutto e un andamento climatico regolare hanno consentito una piena maturità delle uve. Niente botrite, tuttavia, come a volte accade per il Breg (la 2010 ad esempio ce l'ha). Il nome deriva da un vigneto, Vinograd Breg, che divenne Bianco Breg quando alle uve preesistenti si aggiunsero Chardonnay e Sauvignon. Una scelta allora, molto criticata. A parlare per fortuna è il risultato nel bicchiere: un bianco che sa di zafferano, miele, frutta secca, ma è lontanissimo da pesantezza e stucchevolezza. La sua freschezza sa di mela e zenzero, la sua persistenza di gesso e fumé. Al contempo sa essere caldo e tagliente. Difficile categorizzarlo. La sua verità è una libertà profonda di esprimersi come gli pare.

(Francesca Ciancio)

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli