02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

I consumi di vini e liquori? Li guidano i millennial … Saranno i millennial a guidare i consumi nel 2023. Tornano, dunque, gli anni 2000: dalla moda, alle auto, ai memorabilia dell’era digitale fino ai passatempi analogici. La Fomo (paura di essere tagliati fuori) viene sostituita dalla Jomo (joy of missing out), cadono le convenzioni nell’arredamento e lo stile nell’abbigliamento sarà fluido, crescono gli investimenti alternativi (grappe, cognac, birre e vini poco noti), mentre l’arte sarà sempre più digitale caratterizzata dagli Nft e dall’intelligenza artificiale. I membri della Generazione Y, nati tra il 1981 e il 1996, grazie ad un maggiore reddito disponibile si sono affermati come i nuovi consumatori dominanti. A tracciare questo quadro sono stati Catawiki, la piattaforma europea per le aste di oggetti speciali, e Ipsos, istituto di ricerche di mercato. Mattia Garon, esperto di vino di Catawiki, ha spiegato che per il vino “vogliono essere liberi di seguire il proprio modo di pensare, senza dover aderire a regole stabilite da altre persone molto tempo fa. Producono su scala ridotta, ma sfruttano la qualità del clima e del terreno a loro vantaggio senza ambire a una denominazione specifica”. In tema di liquori, invece, materia di Enrico Gaddoni, “un buon cognac degli anni ’50 o ’60 è ancora accessibile oggi. Ma si prevede che il loro valore raddoppierà o quadruplicherà. Mi ricorda quello che era il whisky 10-15 anni fa. Quindi è il momento di investire”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Pubblicato su

Altri articoli