02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

E’ l’offerta degli impianti di Salvarola. Ora nelle terme si usa Lambrusco ... Un milione e 200 mila italiani vanno ogni anno alle terme. Così, i 340 stabilimenti hanno un fatturato di 450 miliardi, che diventano 5.000 con l’indotto, e si contendono i clienti a colpi di novità. L’ultima arriva da Sassuolo (Modena), dove alle Terme di Salvarola per i trattamenti curativi ed estetici hanno incominciato a usare il lambrusco. Per esempio, l’uva fresca e il mosto sono adoperati contro la cellulite, l’estratto d’uva avrebbe funzioni antidepressive e rigeneranti nell’idromassaggio, l’olio di vinacciolo sarebbe un ottimo trattamento antirughe e, infine, la crema di lambrusco dovrebbe ringiovanire il viso. In queste prime settimane i trattamenti vengono effettuati direttamente nello stabilimento termale ma già si sta approntando una linea di prodotti cosmetici col marchio Terme di Salvarola, che saranno distribuiti soprattutto nelle profumerie e nei saloni di bellezza. E’ previsto, inoltre, un consistente investimento pubblicitario in questa “linea di vinoterapia” che farà la sua comparsa in Italia. Dice Gabriella Gibertini, amministratore delegato delle Terme di Salvarola : “Le proprietà benefiche dell’uva sulla pelle erano conosciute anche nell’antichità, adesso le riproponiamo con maggiore cognizione scientifica. Per esempio è testato che l’olio di vinacciolo agisce come antiossidante e aiuta le cellule a rigenerarsi, mentre gli acini conferiscono alla pelle sostenze mineralizzanti e la levigano perfettamente”. La vinoterapia è compresa anche in un pacchetto turistico che prevede un soggiorno nell’hotel delle terme a un prezzo di 860.000 lire al giorno. Alcune fisioterapiste hanno frequentato in Francia un apposito corso e sono le prime italiane specializzate in vinoterapia. Le Terme di Salvarola scommettono che sarà un business miliardario e puntano sull’impatto innovativo del trattamento, che ha già una variante dedicata al maschio, sempre più consumatore di prodotti cosmetici. “Anche per gli agricoltori della zona”, aggiunge Gabriella Gibertini, “si tratta di un’importante diversificazione. La loro uva ora non solo si trasforma in vino ma anche in prodotti di bellezza”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli