02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

La voglia di enoturismo è in costante crescita: a dirlo è anche uno studio dell’Osservatorio del Salone del Vino, evento in calendario al Lingotto di Torino, dal 22 al 25 novembre. Si è scoperto che oltre un italiano su tre pratica o ha desiderio di praticare questa forma di turismo: la stragrande maggioranza dei vacanzieri di Bacco investe il week-end per andare in giro per cantine e conoscere i produttori. Un dato significativo è però anche quello che emerge dai mancati enoturisti: se anche il vino non è motivo esclusivo di viaggio o vacanza, è comunque uno dei souvenir più apprezzati e ricercati; solo il 36% dice di non considerare il vino come il “testimonial” dei territori visitati, tutti gli altri dicono di comprare regolarmente (il 32%) o saltuariamente (il 32%) vino da portare a casa, quando si trovano a viaggiare.
Ed è sulla base anche di queste importanti osservazioni che il 22 e 24 novembre, a Torino, il Movimento Turismo del Vino lancerà dei “seminari formativi”, rivolti ad imprenditori del vino e vignaioli, per perfezionare le proprie competenze sull’accoglienza in cantina. Ma il Salone del Vino di Torino (che vedrà la partecipazione di 1.175 cantine, storiche griffe e terroir emergenti, 35.000 visitatori professionali, 600 giornalisti) avrà anche altri 30 appuntamenti - convegni, workshop, degustazioni - mirati ad approfondire tre grandi temi: vino&finanza, vino&gusto, vino&tendenze: in particolare, il convegno “Vino & Finanza” (22 novembre) vedrà dibattere banchieri, operatori finanziari e i principali imprenditori vitivinicoli sul fenomeno del “merger & acquisition” che sta attraversando il settore.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli