02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Gli 007 della qualità in pressing ... Controlli sul vitivinicolo, mangimi, semi, mezzi e fertilizzanti. Il programma 2007 dell’Ispettorato Mipaaf. In agenda 36.500 ispezioni a 29 mila operatori... Per il 2007, anche se il settore vitivinicolo resta il più monitorato fra quelli agroalimentari con 8.739 sopralluoghi e 2.604 campionamenti, entrano nell’occhio dell’Ispettorato anche i mezzi tecnici, rappresentati da mangimi, fertilizzanti, sementi e prodotti fitosanitari. Per questo “comparto” sono, infatti, programmati circa 4 mila sopralluoghi e ben 3.800 campioni da analizzare ( 37,4% del totale).
È quanto emerge dal documento di programmazione operativa per il 2007 che l’ispettorato per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari ha reso noto il 31/05 scorso. Vediamo alcuni dati. Complessivamente, per la realizzazione della propria attività, gli ispettori svolgeranno 36.500 visite ispettive, controlleranno 29 mila operatori delle diverse filiere dell’agroalimentare ed effettueranno 10 mila campioni da analizzare. Per l’agroalimentare circa la metà dei sopralluoghi sarà dedicata al vitivinicolo, al settore degli oli e grassi e a quello lattiero-caseario.
Vitivinicolo. Agli 8.739 controlli ispettivi programmati per questo settore si dedicheranno soprattutto gli uffici decentrati di Torino, Conegliano, Palermo e Firenze. Ai campionamenti, invece, principalmente quattro uffici del Nord ( Torino, Milano, Conegliano e Bologna ). Le verifiche si concentreranno principalmente sull’iscrizione all’albo e sulla produttività dei vigneti, sulla varietà e sull’origine delle uve e sulla gradazione alcolometrica minima potenziale dei mosti, sul rispetto dei disciplinari di produzione, sulla regolarità delle pratiche enologiche, sulle concentrazioni dei mosti...

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli