02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

VoloRosso pronto a raggiungere l’alta quota ... Operazione rilancio per VoloRosso, il marchio ombrello che accomuna una selezione di 16 vini Doc e Igt italiani dal posizionamento premium. Oltre che consolidare le posizioni legittimate all’estero, dove, con un sell out di 5 milioni di bottiglie in Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Spagna, Gappone, Canada e paesi scandinavi, realizza circa l’85% del fatturato (36 milioni di euro nel 2007), il brand ha ambizioni di crescita sul mercato domestico. “Se nel 2007 abbiamo realizzato in Ita1ia vendite per 1,3 milioni di bottiglie”, dice ad Italia Oggi Giancarlo Pozzallo, direttore marketing di VoloRosso, “avendo raggiunto una ponderata del 45% nella distribuzione moderna per quest’anno l’obiettivo è commercializzare 1,6 milioni dl bottiglie e incrementare la ponderata fino a 60 punti, per crescere ancora fino ai 70 punti di ponderata nei negozi della gdo che conta nell’arco dei prossimi due-tre anni”. Articolata la strategia per centrare gli obiettivi e raggiungere quest’anno 140 milioni di euro di fatturato, messa a punto da VoloRosso, la società costituita dalle sei cantine che conferiscono i vini (la lombarda Cantina di Casteggio, la friulana Vini della Delizia, la romagnola Cantina di Modigilana, la toscana Cantine Leonardo da Vinci, l’abruzzese Casal Bordino e la siciliana Cantine Europa) e che vede inoltre la patecipazione della merchant bank Mps Banca per l’impresa. Innanzitutto, da quest’anno l’azienda ha siglato una partnership con la modenese Cantine Cavicchioli per la dstribuzione e la gestione logistica della gamma VoloRosso nel canale retail. In secondo luogo, VoloRosso ha varato un progetto di restyling della linea in termini sia qualitativi sia grafici. Per quanto riguarda il miglioramento qualitativo, l’azienda ha fissato parametri oggettivi che garantiranno che soltanto le migliori masse delle singole cantine verranno utilizzate per i vini VoloRosso. Sul fronte grafico i cambiamenti hanno riguardato il tipo di bottiglia (ora è una castellina dalla spalla più alta), il logo VoloRosso (reso più elegante dalla centralità del profilo del falco), la grafica delle etichette e le informazioni riportate in etichetta, ora soltanto in lingua italiana e contenenti tre indicazioni chiave: descrizione del vino, abbinamento gastronomico ideale e temperatura di servizio. “E per il futuro”, conclude Pozzallo, “stiamo pensando dl completare la gamma, inserendo vini di altre regioni vocate”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli