02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Antinori divorzia da Krug ... Dopo 26 anni si scioglie il legame con i transalpini. Separazione nell’aria dal 2000, quando l’azienda francese fu acquisita da Lvmh... Separazione consensuale tra Antinori e Krug. Dopo un matrimonio enologico durato 26 anni tra la famiglia fiorentina e la francese produttrice di champagne di cui l’azienda toscana cura la distribuzione in Italia, è arrivato il divorzio. Il gruppo Moet Hennessy Louis Vuitton (Lvmh), detentore della maison francese, ha infatti deciso di far rientrare Krug nel sistema di distribuzione unitaria del gruppo (di cui fanno parte Dom Perignon, Moet & Chandon, Veuve Clicquot Ponsardin, Ruinart e Mercier) e dire così “addio” ad Antinori.
Da gennaio 2009 si concluderà, in maniera consensuale e senza “rotture”, il rapporto che lega le due realtà da decenni. Come spiega Leo Damiani responsabile commerciale di Krug Italia. “Mi sono occupato di Krug dalla prima ora, l’ho visto crescere fino a diventare il primo al mondo. Un divorzio è sempre doloroso, ma la separazione era nell’aria del 2000, anno dell’acquisizione da parte di Lvmh. Succede come accade tutte le volte che in un accordo cambiano i protagonisti. Noi avevamo iniziato il rapporto con la famiglia Krug con la quale Antinori aveva feeling, condivideva la stessa passione per il vino”. Ma con l’arrivo di Lvmh le cose cambiano.
“C’è un approccio diverso. Tanto per fare un esempio, negli anni con Krug ho conosciuto sei persone, quattro della famiglia e due impiegati. Dal 2000 ad oggi sono entrato in contatto con 54 dirigenti. La situazione si è evoluta, sono state prese strade diverse, diversi modi di concepire la vendita. Io ho fatto anche 300 chilometri in macchina per vendere una bottiglia a un singolo cliente, un lavoro per appassionati”. Damiani rimarrà a Firenze. “Certo Krug me lo sono costruito, lo sento mio, mi dispiace molto. Per rimango con Antinori cui debbo molto”. E se si conosce il futuro del responsabile marketing, qualche incertezza c’è sul nome che sostituirà Krug in casa Antinori. Sembra tuttavia che il cambio avvenga con Bollinger, lo champagne di James Bond e del principe Carlo. Il sodalizio era tra due antiche casate. La famiglia Antinori è iscritta all’albo dei vinattieri a Firenze dal 1385, mentre la famiglia Krug è maison di Champagne fondata nel 1843. Un’affinità basata anche sul comune sentire di Piero Antinori e Re’mi Krug e su una totale condivisione di valori quali la cura artigianale del prodotto e l’aspirazione alla perfezione. Grazie alla distribuzione curata da Antinori, Krug in Italia è cresciuto in maniera costante negli anni tanto che quello italiano è il primo mercato al mondo e confermando, in un ambito di nicchia altamente esclusivo, il suo status di icona assoluta dello champagne.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli