02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Verso un lambrusco Reggiano spumantizzato ... Via libera del Comitato nazionale vini alla versione spumantizzata del lambrusco Reggiano doc. L’organo ministeriale ha, infatti, approvato alcune importanti modifiche al disciplinare di produzione di questa denominazione, presentate dal Consorzio di tutela dei vini “Reggiano” e “Cotti di Scanalano e di Canossa”. Oltre all’aggiunta della versione spumante a quella frizzante, già presente nella versione originaria del documento, sarà possibile produrre il lambrusca Reggiano doc anche utilizzando fra i vitigni principali il “Lambrusco Barghi” e tra i complementari il vitigno ”Fogarina“. Quest’ultimo, potrà essere vitigno complementare anche per il Reggiano Rosso doc. La nuova tipologia dovrà avere precise caratteristiche quali: una spuma fine e persistente; un colore rosato più o meno intenso o rosso dal rubino al rosso intenso; un profumo gradevole, caratteristica che varia dal fruttato al floreale; un sapore secco, abboccato, amabile e dolce,armonico, fresco, morbido, caratteristico; un titolo alcolometrico volumico totale minimo di 11% vol. ed uno effettivo minimo di 5,50% vol.; un’acidità totale minima di 6,0 gli ed un estratto non riduttore minimo di 16,0 g/l. Le rese per ettaro non devono superare le 18 tonnellate. Due parole per quanto riguarda l’imbottigliamento della denominazione. Anche l’imbottigliamento come tutte le operazioni di elaborazione dei mosti e dei vini, di vinificazione, ivi compresa la presa di spuma, di affinamento in bottiglia, dell’eventuale invecchiamento in botti di legno, per le tipologie previste, e della spumantizzazione devono essere effettuate nell’ambito del territorio della provincia di Reggio Emilia. Ogni deroga a questo principio che autorizzi a vinificare, elaborare e imbottigliare Reggiano Doc nelle immediate vicinanze dell’area di produzione può essere concessa solo dal ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Infine, per imbottigliare le tipologie “Spumante” della doc sono ritenuti idonei tutti i contenitori e i sistemi di chiusura previsti dalla vigente normativa nazionale e comunitaria.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli