02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Nei campi il futuro è sempre più rosa ... Toscana, aumentano le donne (e i giovani) alla guida di aziende e consorzi... Letizia Cesani, 37 anni, presidente del Consorzio denominazione San Gimignano (ma ci è abituata, aveva già guidato la Strada della Vernaccia). Francesca Ferrari Lucchetti, 29 anni, un podere in Lunigiana, terra tra le più aspre ma tra le più antiche per civiltà dell’intera Toscana, oggi alla guida dei giovani toscani di Coldiretti. Donne: due tra i migliori esempi di quel 33 per cento di “timoniere” di imprese agricole toscane, percentuale che raggiunge il 40 per cento nell’agriturismo, e un buon
32,5 nel biologico. Donne dei campi: una lunga tradizione, cominciata tanti decenni fa - non ce ne vorrà, non è che un elogio - con la “Signora del Brunello” Francesca Colombini Cinelli (orme seguite con successo dalla figlia Donatella), continuata da Emanuela Stucchi Prinetti che ha guidato il Consorzio del Chianti Classico, e con le tante imprenditrici del vino, da Elisabetta Geppetti a Laura Bianchi, da Giovanna Neri a Anna Baj Macario, da Bruna Baroncini a Antonella D’Isanto, Emilia Nardi e mille
altre. Donne, e giovani. Come Valerla Bruni che cura le sue stalle su verso la Futa, in Alto Mugello, o la “signora degli agnelli” Cinzia Angiolini (e la pattuglia delle sue amiche) a cui si deve la rinascita dell’agnello di Zeri. Ancora in Lunigiana: le donne dei campi non hanno paura delle difficoltà. La Toscana ci crede, il Programma di Sviluppo rurale 2007-13 della Regione offre ganci. Sarebbe un peccato sprecare tanta passione.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su

Altri articoli