02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Angelini ora compra Puiatti ... Il gruppo farmaceutico investe nel vino friulano... Nuova acquisizione nel comparto vitivinicolo. La proprietà passa a Tenimenti... Nuovo investimento nel settore del vino per il gruppo farmaceutico Angelini. Nei giorni scorsi è stata formalizzata l’acquisizione dell’azienda Puiatti, uno dei marchi più famosi del panorama enologico friulano. L’azienda di Zuccole a Romans d’Isonzo (Go) nasce nel 1967, è proprietaria in Friuli di 70 ettari di vigneto e possiede due tenute nelle zone dove si producono i vini di maggior pregio. Il passaggio di consegne è stato effettuata tramite la Tenimenti Angelini, proprietaria di diverse tenute in Toscana (Montalcino, Montepulciano, Chianti Classico) e Marche. L’operazione si inserisce nella strategia di sviluppo a lungo termine dei Tenimenti Angelini, ramo del gruppo farmaceutico attivo nel comparto vitivinicolo dal 1994, anno in cui Angelini acquistò contemporaneamente le aziende Val di Suga di Montalcino, la tenuta Trerose di Montepulciano e la fattoria San Leonino di Castellina in Chianti. “Legato da sempre all’agricoltura per tradizione familiare - il capostipite della famiglia, Francesco Angelini, possedeva migliaia di ettari nelle Marche - il gruppo vuole capitalizzare la notorietà del marchio delle sue tenute in Toscana attraverso un progetto di sviluppo volto ad acquisire altre realtà protagoniste in segmenti vinicoli affini per posizionamento e complementari come portafoglio”, spiega il direttore generale di Tenimenti Angelini, Vincenzo Leombruno. “In questo scenario, Puiatti rappresenta un gioiello enologico grazie a una linea di prodotti presenti nei segmenti di consumo di maggiore prestigio quali Chardonnay, Sauvignon, Traminer e bollicine in particolare con i brands Archetipi, Ruttars e Zuccole che, da un lato, darà prestigio e amplierà la gamma Tenimenti Angelini, storicamente connotata dai grandi rossi toscani, e, dall’altro, permetterà una crescita comune in termini di innovazione enologica e produttiva”. Leombruno spiega inoltre che “in un settore di mercato dove la Tenimenti Angelini vuole continuare a mantenere un posizionamento di qualità superiore, il gruppo sta osservando attentamente altre illustri realtà vitivinicole nel Nord Italia, sempre con il chiaro obiettivo di sinergie produttive ed enologiche”. Il gruppo Angelini già nel 2009 ha manifestato accresciuto interesse per la produzione di vini bianchi con il lancio sul mercato delle prime bottiglie di Verdicchio dei Castelli di Jesi, prodotte con uve della tenuta di famiglia Collepaglia, nella provincia di Jesi. L’acquisizione dell’azienda Puiatti conferma ulteriormente l’impegno del gruppo nel settore vitivinicolo. La Famiglia Puiatti ha saputo anticipare sempre i cambiamenti del mondo del vino, coniugando esperienza, tradizione e innovazione, con l’obbiettivo del rispetto e della valorizzazione del territorio, a una produzione complessiva che supera le 600 mila bottiglie. Protagonisti assoluti i vini bianchi e gli spumanti metodo classico, anche se l’azienda produce rossi, la cui unicità e connotazione stìlistica sono decisamente delineate da scelte tecniche rigorose che non prevedono la macerazione sulle bucce, il riposo dei vini sui lieviti, la fermentazione malolattica, l’uso del legno, la presenza di residui zuccherini, gradazioni alcoliche superiori ai 12,5.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli