02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

L’Imu torna sui terreni agricoli ... Dal prossimo anno terreni agricoli e fabbricati rurali strumentali saranno soggetti al pagamento dell’Imu. I titolari di questi immobili che per il 2013 hanno fruito della sospensione dell’acconto Imu di giugno, poi dell’abolizione della prima rata e che, con molta probabilità, non pagheranno neppure la seconda rata a saldo, dal 2014 saranno nuovamente soggetti all’imposta municipale poiché il disegno della legge di Stabilità conferma l’esonero dal pagamento solo per le abitazioni principali e relative pertinenze. Per il 2013 sia i terreni agricoli che i fabbricati rurali non sono stati assoggettati al pagamento della prima rata Imu. L’esonero dal pagamento per i terreni agricoli ha riguardato anche quelli non condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali. Il dl sull’imposizione immobiliare (102/2013) ha escluso il pagamento per tutti gli immobili per i quali a giugno era stata concessa la sospensione. L’articolo 1 del dl 54/2013, infatti, aveva concesso la sospensione richiamando l’articolo 13, comma 5 del dl “salva Italia” (201/2011), che ricomprende nella nozione di terreno agricolo anche quello che non viene condotto direttamente da un coltivatore o imprenditore agricolo professionale. La norma si limitava però a concedere la sospensione dal pagamento dell’imposta solo per i terreni agricoli. Quindi, erano tenuti a passare alla cassa i titolari di terreni incolti, a meno che non fossero posseduti da un agricoltore.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli