02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

Il vino? Fidatevi, meglio dei Bot ... Nomisma: investire nei distretti vinicoli rende anche di più ... Meglio investire nel ai vino invece che nei
Bot. È il messaggio che arriva dal
wine2wine di Veronafiere, dove è stata presentata la ricerca curata da Denis Pantini, direttore Wine Monitor di Nomisma, un’elaborazione sulla banca dati di Aida Bureau Van Dijk che ha coinvolto un campione di 754 aziende vinicole (coop escluse) con un fatturato complessivo 2013 di 4,5 miliardi di euro. In un settore che ha visto calare del 30% i consumi in Italia nell’ultimo decennio, ma che dal 2009 al 2013 registra un trend positivo in valore aggiunto e fatturati, la redditività del capitale proprio non è alta, essendo pari all’1,4% (in calo costante dal 3,3 del 2010 e lontana dalla media dell’agroalimentare il 5 e il 6%), ma nonostante questo per Pantini “ci sono aspetti patrimoniali che hanno un appeal molto forte, e che vedono grandi performance nei grandi distretti vitivinicoli italiani, in primis quello di Brunello di Montalcino e poi in Alto Mige”. Nel primo caso, la redditività del capitale nel 2013 si è attestata al 5,8% (11,8 nel 2009), nel secondo al 2,1 (4,8). “Ciò significa che investire nel vino”, aggiunge Pantini, “risulta sempre più conveniente di un capitale fermo in banca o dei Bot”. Unica regione dove marginalità e rendimento di capitale sono cresciuti negli ultimi anni è il Veneto, con un 5,7% di redditività delle vendite e un 7,2% di redditività del capitale, valore più alto di tutta Italia, seguito dal 3,4%della Toscana con una media italiana di 1,7% tra 2012 - 13. Stabili i valori fondiari per vigneto nell’astigiano (80 mila euro per ettaro) e per il Brunello di Montalcino (400-500 mila per ettaro), così come nell’Alto Adige dove la forbice rimane trai 600 mila e il milione. Si registra invece l’impennata dei valori per il Sangiovese di Romagna
(+ 14% nel 2009-13), salito a 40
mila euro per ettaro, mentre
è crollato del 20% in quattro anni il Barolo, sceso a 230 mila
euro.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli