02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Italia Oggi

I vini restano senza scadenza ... I vini frizzanti non dovranno riportare la data di
scadenza in etichetta. È il
chiarimento che arriva direttamente dalla direzione generale agricoltura della Commissione europea interessata
da Fedagri. Un chiarimento
i produttori attendevano
con impazienza e che viene
anticipato da ItaliaOggi. “E
un chiarimento importante. Leggendo il regolamento
1169/2011 sembrava che i
vini frizzanti, a differenza dei
fermi e dei vini spumanti, dovessero riportare la data
di scadenza. La Commissione
ha poi chiarito si trattasse di
refuso nel momento della
redazione del regolamento”,
spiega Gabriele Castelli, responsabile settore vitivinicolo
Fedagri-Confcooperative. Il regolamento 1169/2011 è
quello entrato in vigore il 14
dicembre e comprende tutte
una serie di nuove norme sulle etichette degli alimenti. Ma
comprende anche molti dubbi.
Come quello della lingua da
utilizzare. “Le informazioni
obbligatorie vanno fornite in
una lingua facilmente comprensibile per il consumatore
del Paese in cui il prodotto è
commercializzato. Per la normativa vitivinicola, invece, è sufficiente una
o più lingue ufficiali
dell’Ue. La Commissione ha stabilito che le informazioni obbligatorie
per i vini compaiono
in una o più lingue ufficiali
dell’Unione e
cosa importante è il produttore che decide che lingua
usare. Ad eccezione degli allergeni, le cui indicazioni, già
come avveniva prima, vanno
giustamente indicate nella
lingua comprensibile per il
consumatore, perché di mezzo
c’è la sua salute”, continua Castelli. Infine altro dubbio era
quello su chi nel settore vitivinicolo dovesse essere “l’operatore del settore alimentare responsabile delle informazioni
ai consumatori”. “Anche
qui la Commissione
ha chiarito che per
il vino è l’imbottigliatore, il produttore o il venditore per gli spumanti, e l’importatore per i vini importati”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli