02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa / Specchio

Profumi di Trentino. Nata quasi come hobby, l’azienda Lunelli è diventata nel tempo una delle realtà vitivinicole più importanti di Trento. Oggi, accanto agli spumanti, produce ottimi bianchi internazionali ... Villa Margon è il buen retiro della famiglia Lunelli. E non potrebbe essere altrimenti, visto l’incanto del luogo. Percorrendo una manciata di chilometri, si passa dalla frenetica operosità di Trento alla pace assoluta delle colline che circondano la città. Immersi in un ambiente dal fascino discreto, con prati all’inglese, imponenti ippocastani e le vigne a mo’ di cornice, si passerebbero ore a visitare l’imponente villa rinascimentale e a passeggiare tra i vicini filari, soprattutto se si ha la fortuna di avere delle guide di eccezione come Mauro Lunelli e la figlia Camilla, da poco entrata nello staff della cantina.

La loro azienda agricola è nata quasi come un hobby, o più precisamente come una palestra dove poter sperimentare nuove soluzioni in vista della produzione di grandi spumanti per la casa madre Ferrari, uno dei miti delle bollicine italiane. Poi, con il passare degli anni, quello che era un gioco si è trasformato in una realtà enologicamente importante, che ha saputo regalare vini dalla stoffa particolare grazie anche alla varietà dei terreni, alla loro esposizione e alla notevole altitudine delle vigne.

«La nostra volontà è quella di dimostrare le potenzialità del Trentino come terroir», racconta Mauro Lunelli. «Per questo non produciamo vini giovani e aspettiamo sempre qualche anno affinché i prodotti siano pronti ed esprimano al massimo le loro qualità. Siamo convinti, inoltre, che il segreto per dar vita a uno spumante di pregio sia di saper realizzare anche ottimi vini fermi».

Alla guida della cantina, oltre a Mauro, troviamo i fratelli Gino e Franco, coadiuvati da uno staff che conta la bellezza di otto enologi, capitanati da Ruben Larentis, e quattro agronomi. I Lunelli hanno pensato di confrontarsi anche con i vini di altre regioni e hanno acquistato, pochi anni fa, terreni in Toscana (Tenuta Podernuovo) e in Umbria, sulle colline di Montefalco (Tenuta Castelbuono). E producono pure una grappa (Segnana).

Lunelli - Ravina - Trento

Tel. 0461-972311

Da provare

Trentino Sup. Bianco Villa Margon 2002

Frutto di un taglio di chardonnay all’80% e per il resto di traminer, ha un colore giallo paglierino, ma è nei profumi che stupisce grazie ai sentori di spezie e idrocarburi, che lo rendono particolare. In bocca ha carattere e persistenza. Prezzo medio in enoteca: 11 euro

Trentino Pinot Nero Maso Montaldo 2001

Prodotto in 10 mila bottiglie, ha profumi che ricordano i pinot della Borgogna. Esprime quindi un bouquet molto elegante, con frutti di bosco e ciliegia; al palato è molto armonico e riesce ad affascinare grazie alle sue qualità. Prezzo medio in enoteca: 23 euro

Trentino Chardonnay Villa Gentilotti 2002

Un vino che ha un’impronta decisamente più internazionale rispetto al resto della produzione della cantina; al naso sono evidenti, infatti, le note di legno rilasciate dal lungo affinamento in barrique, e in bocca ha una potenza e una lunghezza molto accentuate. Prezzo medio in enoteca: 14 euro

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli