02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa / Specchio

Il vino ... Il rossese è il vitigno autoctono simbolo della Vai di Nervia, in Liguria. Un territorio costellato da imponenti vestigia del passato come il castello di Dolceacqua e da paesini arroccati su cucuzzoli che paiono quasi irraggiungibili. Qui l’agricoltura ha un posto di rilievo con i vigneti e gli uliveti che ingentiliscono il panorama collinare.

Alta via, alti vini...
Dolceacqua è un paesino incantevole dell’entroterra imperiese. Il mare sembra lontano anni luce: qui l’orizzonte è chiuso da ripide colline che si impennano rapidamente per diventare montagne. E proprio su un costone di montagna Savino Formentini e Gianni Arlotti hanno dato vita alla loro azienda, che consta di una cantina-modello (ottimamente inserita nel paesaggio, per quanto avveniristica nelle forme) e di cinque ettari di vigneto condotti secondo metodi razionali e rigorosi. Il grosso dei poderi si estende intorno alla struttura e in questo corpo principale si trovano soprattutto viti di varietà rossese. Anche syrah e vermentino fanno parte del patrimonio viticolo, seppur in entità inferiore. A coordinare i lavori in vigna e in cantina è stato chiamato un personaggio ben noto nel mondo enologico, Federico Curtaz. Aderenza al terroir, sebbene con qualche concessione internazionale, pulizia stilistica e personalità sono i tratti distintivi dei prodotti di questa firma emergente nel panorama produttivo ligure.

Alta Via
Dolceacqua (Im)
Tel. 0184-488230
E-mail: info@altavia.im.it  

Scheda tecnica - Superiore 2005...
Denominazione - Rossese di Dolceacqua
Tipo di vino - Rosso di struttura
Regione di origine - Liguria
Terreno - Marne e sedimenti sabbiosi
Uve - Rossese
Raccolta - Seconda decade di ottobre
Vinificazione - In acciaio
Alcol - 13% vol.
Temperatura di servizio - 18-20 gradi
Resa per ettaro - 80 quintali di uva
Bottiglie prodotte - 4.500
Maturazione - Botti di rovere francese da 20 hl
Affinamento - 6 mesi in vetro
Colore - Rosso rubino intenso
Profumo - Note di spezie dolci, china e frutta rossa
Sapore - Buona freschezza in bocca, con fondo ammandorlato
Prezzo in enoteca - 20 euro

L’altra etichetta - Dapprimo 2005...
Il vino è frutto del matrimonio tra l’autoctono rossese e l’internazionale syrah. Nel bicchiere si presenta con un colore rosso intenso, venato da riflessi violacei. Al naso regala ricordi di frutta matura, fusi splendidamente con nuance di tabacco, spezie dolci e caffè tostato. L’ingresso al palato è caldo, supportato da tannini rotondi e setosi. Il finale ha profondità ed energia. Prezzo in enoteca: 12 euro.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli