02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa / Speciale Vinitaly

Il primato dell’olio tricolore ... Gli oli extravergine d’oliva italiani si riconfermano i migliori al mondo. Sono tutti del Belpaese, infatti, quelli che hanno vinto le tre categorie (fruttato intenso, medio e delicato) del concorso internazionale “Sol D’Oro”, prologo del “Sol”, salone dedicato all’olio di qualità che come ogni anno è organizzato da Veronafiere in concomitanza con il Vinitaly di aprile (dal 7 all’11). Su 218 oli da 5 nazioni hanno trionfato dunque i prodotti italiani. La proclamazione è giunta dopo cinque giorni di valutazioni che hanno impegnato il Panel della giuria - guidato da Marino Giorgetti, responsabile della promozione oli e prodotti tipici della Regione Abruzzo - composto da tredici esperti italiani, greci, sloveni, cileni e spagnoli. Oltre che da tutte le regioni produttrici italiane, i 218 campioni di assaggio provenivano da Spagna, Portogallo, Cile, Slovenia e Croazia. Tre i premi per ogni categoria: Sol d’Oro, Sol d’Argento e Sol di Bronzo, rispettivamente al primo, secondo e terzo classificato. Tutte le nove medaglie totali assegnate sono state vinte da aziende italiane. Per la categoria Oli con fruttato leggero, il Sol d’Oro è andato all’Azienda Agricola Luigi Guadalupi di Brindisi; l’Argento all’Azienda Agricola Tenuta Piscoianni di Sonnino (Latina); il Bronzo all’Azienda Agricola Alfredo Cetrone di Sonnino (Latina), Lazio.

Per gli oli con fruttato medio il Sol d’Oro è stato vinto dall’Azienda Agricola Laura De Perri, di Canino (Viterbo); seconda l’Azienda Agricola Paola Orsini di Priverno (Latina), terza l’Azienda Agrobiologica Rosso di Ragusa.

Per la categoria oli con fruttato ìntenso, ha vinto l’Azienda Agricola Villa Zottopera di Ragusa; Sol d’Argento all’Az. Agr. Pasquale Librandi di Vaccarizzo Albanese (Cosenza), bronzo all’Azienda Agricola De Carlo di Bitritto (Bari).

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli