02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa / Tempo Libero

Duecuori tra Verona e l'India ... Ci sono "Duecuori" che battono sulle sponde meridionali del Garda. Ma non c'entra S. Valentino, bensì il nome di un passito che Carlo Nerozzi, architetto cresciuto tra le sale del ristorante di famiglia Delle Tre Corone, ha voluto dedicare alla memoria dei genitori. Sul Colle S. Pietro, negli anni '80, prese il posto una cantina, che a vederla è curata come un giardino. Dieci ettari vitati a merlot, cabernet sauvignon, riesling renano, moscato, ma anche corvina e garganega. Quello di Nerozzi è stato un lavoro che ha salvato i gloriosi vini di questo territorio veronese, avvezzo a Bardolino e Bianco di Custoza. Anni fa fummo folgorati da uno spumante, "Y2K", oggi da questo Duecuori 2002 (appena 1500 mezze bottiglie) da moscato giallo in purezza, appassito in cassette per tre mesi, prima di una pressatura prolungata. Fermentazione e affinamento avvengono in barrique per 18 mesi. E viene da chiamarlo passito fresco visti i suoi sentori di frutta tropicale e la setosità fine in bocca. Delle 80 mila bottiglie prodotte fa parte anche il vino ammiraglio: il Cabernet Sauvignon Refolà 2000, prodotto con uve appassite 30 giorni, fermentate in acciaio e poi in barrique. In bottiglia si affina per tre anni. Sorprende per i sentori balsamici e di frutta rossa e per le note di cacao. Il Bianco di Custoza (ottimo sugli gnocchi soavi della Trattoria del Ponte) è un blend di 5 uve vinificate separatamente. C'è la versione "giovane" e una che esce dopo 24 mesi di affinamento in acciaio e legno. Carlo Nerozzi, che vive i "due cuori" con una moglie indiana, ha recentemente fatto tappa a Mumbai, per guidare una degustazione di vini italiani. È stato un successo - dice - in un paese che ogni anno importa il 30% in più di vino da tutto il mondo. O Refolà!
le Vigne di san Pietro - Sommacampagna (Verona)
Tel. 045510016, una 1/2 bottiglia di Duecuori: euro 18

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su