02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa

Sarà perchè è di buon augurio, sarà perchè un numero sempre maggiore di medici lo indicano come una componente positiva dell’alimentazione, fatto è che per le feste di Natale e di fine anno la vendita di vino è aumentata del 26% rispetto al 2000. Il dato emerge dalle rilevazioni eseguite dall’Osservatorio del Salone del Vino, un’indagine condotta su un campione rappresentativo di 400 enoteche, ovvero gli esercizi frequentati da un’élite di consumatori che si può ritenere anticipi i gusti del grande pubblico. Secondo i risultati delle rilevazioni la crescita delle vendite è riconducibile, oltre che ad un evidente fattore stagionale, al fatto che il calo della spesa per le vacanze all’estero libera risorse per altri consumi ed inoltre è in forte crescita anche l’acquisto di vini da utilizzare come regalo. Rispetto a settembre la quota del vino comprato nelle enoteche per essere destinato ad omaggi sale infatti dal 33% al 53%.
Di particolare interesse è la graduatoria dei vini più venduti nelle festività di Natale e Capodanno. Rispetto ad un’analoga rilevazione condotta in settembre, cioè in un periodo che può considerarsi «normale» per il consumo di vino, si trovano conferme per metà della pattuglia dei primi dodici, mentre l’altra metà è costituita da new entry. Le conferme riguardano il Brunello di Montalcino, il Barolo, il Chianti, il Chianti Classico, il Barbaresco e il Greco di Tufo. Le new entry sono il Montepulciano d’Abruzzo, il Franciacorta, il Rosso di Montalcino, il primitivo di Manduria, il Sassicaia e il Taurasi.
Limitando la rilevazione ai soli vini dolci, passiti e liquorosi la graduatoria vede invece al primo posto il Moscato Passito di Pantelleria, seguito dal Moscato di Pantelleria, dalla Malvasia delle Lipari, dal Brachetto d’Acqui, dal Vin Santo del Chianti, dal Marsala, dal Vin Santo di Montepulciano, dal Moscato di Noto, dal Recioto di Soave, dall’Asti, dall’Albana di Romagna e dal Ramandolo dei Colli Orientali del Friuli che chiude la graduatoria dei primi dodici.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli