02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa

Aiuto dove metto il mio bambino? ... Quello Aziendale è in funzione dal 1923. Il più antico? E’ alla Martini & Rossi. «Nato come uno dei benefit per “fidelizzare” i dipendenti» ... E’ una vera istituzione, una scuola di vita, un’esperienza di welfare aziendale. E’ uno degli asili aziendali più longevi, il «Luigi Rossi» di Pessione, fondato nel 1923 dalla Martini & Rossi, antica azienda produttrice di vini e liquori. «E’ nato come uno dei benefit che la società offriva ai dipendenti per migliorare la loro vita e creare un rapporto di fidelizzazione con l’azienda», spiega Guido Bili, consigliere d’amministrazione dell’azienda e presidente dell’asilo. In realtà l’asilo, affiancato da una scuola elementare e da un laboratorio di cucito, esisteva già dal 1884 per i bambini più bisognosi del paese, voluto dalla baronessa Ricci de Ferres. Allora vigilavano le «cottolenghine”, le suore della Piccola Casa della Divina Provvidenza. Quando la famigli Ricci si estinse, il castello e i fabbricati delle scuole vennero venduti, prima ad una congregazione religiosa, poi, con un altro passaggio, alla Martini & Rossi. Nasce così il 27 ottobre 1923 l’asilo aziendale che anticipa l’apertura al sociale di un’impresa importante, sulla scia di altri esempi, come quelli della Fiat e dell’Olivetti. L’obiettivo era quello di consolidare il rapporto con gli abitanti della zona in un periodo in cui lo sviluppo industriale attirava lavoratori verso i centri di maggiore dimensione, soprattutto verso Torino. L’asilo non a caso viene aperto a tutti, ai figli dei dipendenti ma anche ai residenti, senza differenze.
Oggi, l’asilo che accoglie i bambini a partire dai diciotto mesi, è a conduzione laica. La sede attuale è stata costruita nel 1966 per avvicinare ancor più questo prezioso servizio all’ingresso dello stabilimento. Un’agevolazione in più per i dipendenti-genitori.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli