02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa

Il nuovo Grinzane ricomincia da tre ... Il Premio nel dopo Soria Annunciati ieri gli autori
da cui uscirà il super vincitore “Scommettiamo sul romanzo”... Si riparte. Scordiamoci il passato. Ha preso il via ieri, sulle colline del Barolo di Castiglione Falletto, il Premio Grinzane “di seconda generazione”. Tornando a far parlar di sé e insieme, per fortuna, di scrittori e giurati, premi e premiati. Di quella letteratura che; schiacciata in mezzo alle vicende giudiziarie dell’ex patron Giuliano Soria, da troppo tempo faticava a respirare. Grinzane anno zero, dunque. Anzi, Premio Bottari Lattes Grinzane. Per il nuovo corso, la Fondazione titolare della manifestazione (con il patrocinio dell’ente che gestisce il Salone del Libro), ha voluto organizzare una partenza in grande stile. Da un lavoro di selezione tra 90 opere di 18 paesi del mondo e 45 editori, ha presentato al pubblico la triade di premiati, da cui dovrà uscire poi un supervincitore. Per la sezione “Il Germoglio”, dedicata alla migliore narrativa del 2010, la scelta è caduta sulla scrittura intensa dell’ultimo romanzo di Caterina Bonvicini, Il sorriso lento (Garzanti); sui flash letterari del poeta Valerio Magrelli, che in Addio al calcio (Einaudi) traccia 90 racconti biografici dei campioni del passato, filtrati assieme ai ricordi della sua storia personale; sulle “funambolerie” del talento irlandese Colum McCann, che in Questo bacio vada al mondo intero (Rizzoli) fa un affresco della New York degli anni 70, incantata a osservare la traversata mozzafiato delle Torri Gemelle compiuta dall’equilibrista Phiippe Petit. Per la sezione “La Quercia”, invece, ha trionfato lo spagnolo Enrique Vila-Matas, di cui è stato recentemente tradotto da Feltrinelli Dubllnesque.
Il presidente della giuria, Giorgio Barberi-Squarotti, ha spiegato che “abbiamo scommesso sul romanzo, con un occhio all’Italia, sebbene gli stranieri abbiano regalato un 2010 più interessante, come dimostra uno straordinario McCann”. Dopo il giudizio degli esperti, ora tocca al pubblico dei ragazzi. Sette giurie scolastiche decreteranno il prescelto, che sarù reso noto il 4 giugno e premiato il 1 ottobre, a Monforte d’Alba, con 10 mila euro.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli