02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa

Sostiene Slow Food ... Il caso Gancia e l’esempio Champagne ... Appena prima di Natale, Gancia, lo storico marchio spumantistico di Canelli, è stato acquistato dalla Russian Standard Corporation. Un passaggio di mano che ha fatto molto parlare e che ha riempito le pagine di numerosi quotidiani. A distanza di qualche giorno sarebbe interessante soffermarsi sulla notizia e approfondire i punti che hanno sollevato le polemiche maggiori. E stato detto che questa acquisizione è l’ennesimo attacco alla sovranità del settore economico più in salute del nostro Paese. In realtà, al contrario di altre recenti vendite di aziende del comparto alimentare, quella della Gancia dovrebbe preoccupare meno dal punto di vista strategico. Il vino, infatti, è un bene legato fortemente alla terra di origine che lo vede nascere e quindi, se si opera in denominazioni ben precise come possono essere quelle dell’Asti, del Prosecco o dell’Alta Langa, non si corrono rischi di spostamento della produzione all’estero. Insomma il vino non è uguale ai biscotti, al latte o ad altri prodotti con scarsa tutela dell’origine. Un altro punto di fondamentale importanza è la strategia che la nuova proprietà saprà adottare per crescere dal punto di vista economico. Gancia ha prodotto il primo spumante italiano. Poi, purtroppo, non ha seguito l’esempio delle grandi maison dello Champagne, che oltre a realizzare prodotti dai prezzo concorrenziale, creano anche etichette di grande pregio, e si è dedicata solo alla grande distribuzione. Sarebbe auspicabile che la Gancia operasse alcuni investimenti per realizzare una o più linee di maggior prestigio, puntando su due denominazioni che, se ben interpretate, potranno anche conferire maggior lustro alla produzione enologica piemontese: l’Asti Spumante e l’Alta Langa. Per raggiungere questo obiettivo è necessario lavorare al massimo della qualità in maniera anche più restrittiva di quant9 previsto dai disciplinari. Esiste l’esempio dello Champagne, non bisogna inventare nulla, per una volta copiamo da chi ha vinto queste battaglie mezzo secolo rima di noi.


Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli