02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa

“Puntare sulle bottiglie accessibili” ...… 4 domande a Lamberto Frescobaldi ... “Non è la prima volta che gli Usa si ritrovano a secco”. A dirlo è il marchese Lamberto Frescobaldi, vice presidente del gruppo vinicolo toscano.

Quando era già successo?

“A. metà Anni 90, quando l’America ebbe un’impennata dei consumi tale da dover iniziare a rifornirsi in Cile. Anzi, molti imprenditori statunitensi investirono nel Paese sudamericano impiantando nuovi vigneti, per poi far arrivare a casa ettolitri divino sfuso”.

Succederà Io stesso anche questa volta?

“Noi speriamo di no, ma è in- dubbio che, in un mercato sempre più globalizzato, ci siano aree vinicole molto abili nel rispondere rapidamente alle richieste di prodotto. Penso non solo al Cile, ma soprattutto all’Argentina, all’Australia e alla Spagna, che negli Usa sta vivendo un boom. Anche l’Italia, però, potrebbe trarre vantaggio dalla situazione”.

Come?

“Non inseguendo il mercato dello sfuso, ma cercando di approfittare di questa richiesta per offrire ai consumatori americani bottiglie a prezzi accessibili e concorrenziali. Quando c’è meno disponibilità di prodotto, si riesce a dare maggiore valore al vino e a tutta la filiera. Per molti produttori italiani questo è il momento di inserirsi e cercare di conquistarsi qualche fetta di mercato”.

Un discorso che vale anche per un grande marchio come il vostro?

“Noi rappresentiamo una nicchia, i nostri numeri non possono essere così significativi. Tuttavia, anche i marchi classici da sempre presenti sulle tavole Usa come Brunello, Chianti Classico, Barolo e Amarone, senza scordare i Supertuscan, possono giovarsi di questa situazione a lungo termine. Se si allarga il numero di consumatori di vino italiano, prima o poi alcuni di questi arriveranno ad acquistare le bottiglie più importanti”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli