02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa

Meno frutta e verdura la crisi cambia anche i menù ... Si mangia meno frutta e verdura, ma per comprarla si spende di più. Rispetto all’anno prima, nel 2011 ogni famiglia ha consumato 5 chili in meno di frutta, 3 di verdura e 1 di ortaggi surgelati secondo l’analisi presentata da Cia (Confederazione agricoltori), Confagricoltura, Fedagri-Confcooperative, Legacoop agroalimentare e AgciAgrital al Macfrut, la grande fiera dell’ortofrutta a Cesena. Elaborando dati Istat, le cinque organizzazioni hanno calcolato un calo tendenziale del 2,6%. Se si confrontano le cifre con quelle di 11 anni fa, la riduzione arriva al 23%: dai 450 chili a famiglia del 2000 ai 347 chili del 2011 (8,3 milioni di tonnellate in totale). Una famiglia su tre ha alleggerito il carrello alimentare, di queste il 41,4% ha ridotto gli acquisti di frutta e verdura: colpa della crisi, della poca attenzione all’alimentazione sana e dei prezzi in aumento. Paradossalmente, la spesa totale per l’ortofrutta nei 12 mesi tra il giugno 2011 e lo stesso mese cli quest’anno, è passata da 14 miliardi e 28 milioni a 14 miliardi e 168 milioni (numeri dell’Osservatorio consumi ortofrutticoli di Macfrut). Un +1% confermato dalla spesa media per nucleo familiare, salita a 588 euro rispetto ai precedenti 582. Frutta e verdura fresca hanno registrato ad agosto (ultimo dato disponibile) crescite tendenziali del 5,8% e del 4,8%. “Non per colpa degli agricoltori, anzi le quotazioni alla produzione sono scese - dice Giuseppe Politi, presidente Cia -. Va invertita la tendenza riorganizzando le filiere per evitare speculazioni e ridefinendo le regole commerciali nell’Ue: molti paesi bloccano l’ingresso di ortaggi italiani, mentre il nostro mercato è aperto alla merce estera senza limitazioni”. E il Codacons invita allo “sciopero della verdura”: niente ortofrutta quando i prezzi superino i 3 euro al chilo. Già ora, in Italia si consuma solo il 25% della produzione ortofrutticola nazionale (35 milioni di tonnellate l’anno, un terzo dell’intero settore agricolo). Per compensare il calo interno, bisogna puntare sull’export: l’Italia con- tende alla Spagna il titolo di “orto d’Europa”, ma si è fatta soffiare dalla Germania il primato nel commercio oltre confine. Mario Guidi, presidente di Confagricoltura: “Le aziende ortofrutticole italiane possono recuperare vendite solo guardando all’estero, ma per farlo la politica deve ridurre la burocrazia per consentire alle imprese agricole di lavorare meglio ed essere più competitive”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli