02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa

Bollicine, l’export cresce anche nella terra dello champagne ... L’esportazione di vini e bevande alcoliche vale, per l’Italia, 7,3 miliardi di euro, con un saldo commerciale di 5,8 miliardi di euro. Un record quasi tutto dovuto al vino, che contribuisce con i suoi 5,4 miliardi di export e 5 miliardi di surplus commerciale. Lo dice una ricerca sull’importanza della filiera vitivinicola italiana nell’economia nazionale e internazionale realizzata da Federvini insieme con la Fondazione Edison. Nel 2015 il Veneto si è confermato la principale regione italiana esportatrice di vini e bevande alcoliche con oltre 2 miliardi di euro di valore dell’export. Seguono il Piemonte con 1,4 miliardi, in lieve calo rispetto al 2014 (-0,8%), la Lombardia con 1 miliardo e la Toscana con 930 milioni, entrambe in crescita. Valori importanti sono registrati anche dal Trentino Alto Adige e dall’Emilia Romagna, rispettivamente con 542 e 370 milioni di euro. A livello provinciale, dei 7,3 miliardi di euro esportati complessivamente circa 2,3 miliardi derivano da sole 3 province italiane: Verona (880,8 milioni), Cuneo (817,5) e Treviso (579,3). A queste si aggiungono altre 7 province, che si posizionano nella classe di fatturato estero che va dai 200 milioni di euro ai 499.
Se guardiamo le tipologie di vino, il segmento degli spumanti è quello che traina maggiormente la crescita con il bestseller Prosecco. Nei primi cinque mesi dell’anno le esportazioni delle nostre bolli-cine sono cresciute del 24% a 407 milioni di euro: tutto grazie ai volumi, +25%. Un fenomeno che non ha più confini: nella Francia dello Champagne la domanda di spumante italiano è triplicata, con le esportazioni che hanno fatto segnare un incremento record del 198% delle bottiglie. “I cugini francesi - dice la Coldiretti - non hanno mai richiesto così tanto spumante italiano a fronte di una sostanziale stabilità negli arrivi di Champagne in Italia, tanto che per ogni loro bottiglia stappata da noi ne vengono portate Oltralpe oltre sei di spumante italiano”. A fare la differenza resta tuttavia il valore medio per bottiglia commercializzata attraverso le frontiere: un dato che resta tutto a favore dei francesi.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli