02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Les Crêtes, Doc Valle d'Aosta Petite Arvine 2020

Vendemmia: 2020
Uvaggio: Petite Arvine
Bottiglie prodotte: 35.000
Prezzo allo scaffale: € 13,50
Proprietà: Elena, Eleonora, Imelda e Costantino Charrère
Enologo: Costantino Charrère, Raffaele Crotta
Territorio: Valle d'Aosta

La brezza fresca sul viso si sente anche d’estate, qui, tra i filari scoscesi ai piedi del Monte Bianco. La conosce bene la famiglia Charrère. Su e giù, a piedi, a lavorare manualmente queste vigne ripide, strette, irregolari. È nell’asimmetria la loro bellezza, la loro armonia. Siamo nei vigneti di Champorrette e Bufferia di Aymavilles e Frissonniere di Saint Christophe, in valle d’Aosta, tra i 550 a 750 metri di quota. Qui si coltiva la Petite Arvine, un vitigno autoctono tradizionale. Una scommessa vinta di Costantino Charrère e della moglie Imelda, una vita dedicata alla salvaguardia e alla valorizzazione di tanti vitigni autoctoni valdostani, oggi portata avanti dalle figlie Elena ed Eleonora. La storia della Petite Arvine inizia nel 1992. In quell’anno Costantino comincia a vinificarlo in purezza. È un’uva bianca che matura tardi. Si vendemmia all’inizio di ottobre. Nel nome, c’è tutta la sua etimologia: la varietà, Arvine, e la piccola taglia dei suoi acini, Petite. È un vino di montagna con quella mineralità e salinità tipiche delle uve che maturano in altezza. Ha un bel naso di fiori e frutti. Agrumi, pompelmo, frutto della passione, una nota di mela verde. La spiccata salinità lo rende perfetto con gli antipasti e i piatti di pesce, le verdure, i formaggi freschi di capra. Sperimentato con un’orata (pescata) al forno con erbe aromatiche, pepe rosa, profumata all’arancio.

(Fiammetta Mussio)

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli