02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Libero

Comunicazione in bottiglia, il primato Gancia … Quando e come nasce la comunicazione del vino in Italia? È lo spumante a fare da “pioniere” nella comunicazione su larga scala, come dimostra Patrizia Cirio, storica dell’industria, che ha curato uno studio sull’Archivio storico di Casa Gancia, a Canelli, dove ha scovato la testimonianza di come la casa spumantistica piemontese fosse all’avanguardia - nella comunicazione – già negli anni Venti: una pellicola simile, nel taglio, a “Metropolis” di Fritz Lang o a “Tempi Moderni” di Chaplin. “È un filmato realizzato tra il 1926 ed il 1930 – spiega la Cirio - che nasce con i criteri dei cinegiornali d’epoca”. Ma perché Gancia ha sentito l’esigenza (prima azienda in Italia) di usare il cinema? “Era appena nato l’Istituto Luce (1923), la cui “mission” era informare il pubblico degli sviluppi industriali dell’Italia - aggiunge Patrizia Cirio - Gancia era interessata a sfruttare l’occasione, ed il Governo era interessato all’esempio “tecnologico” di Casa Gancia: di qui l’intesa con l’Istituto Luce”. Il filmato sarà presentato oggi nel convegno “Viticoltura e industria nelle terre del moscato”, nelle cantine Gancia di Canelli.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su

Altri articoli