02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Libero

Progetto Sostain per le bottiglie secondo natura … Tasca d’Almerita e Planeta cantine stellate… La Sicilia del vino punta sull’ecosostenibilità della produzione, con progetti concreti e legati alla ricerca, per creare un modus operandi dinamico, con il fermo obiettivo di rispettare sempre di più l’ambiente. Ecco uno dei messaggi che arriva dalla Sicilia. L’Istituto Vite Vino della Regione Siciliana, per esempio, ha coinvolto tante cantine per valutare la viticoltura di precisione come via per l’ecosostenibilità. Ma anche due grandi firme dell’enologia dell’isola, Tasca d’Almerita e Planeta, collaborano nel “Progetto Sostain”, un programma di autovalutazione e miglioramento delle filiera aziendale, coordinato dal professor Capri dell’Università di Piacenza, in collaborazione con quella di Milano. Un progetto in cui Tasca d’Almerita è stata la prima a credere “non per darsi un’etichetta “green”, ma per intraprendere un percorso attento a tutte le novità che la scienza propone, per continuare a fare qualità”, spiega Alberto Tasca. Un intento che va al di là delle pure logiche aziendali, perché i risultati “dovranno essere a disposizione di tutti, perché di tutti è l’ambiente, ed è anche per questo che siamo contenti della collaborazione di Planeta”. “Il bello del “Progetto Sostain” è il collegamento con il mondo scientifico - ribatte Alessio Planeta - si punta a creare degli indici per una viticoltura sostenibile attraverso la ricerca. Il nostro sogno è creare protocolli di lavoro, diffonderli sempre più tra i produttori siciliani, e far nascere una certificazione condivisa e forte”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su

Altri articoli