02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Libero

Il torchio ... Come passare dalle parole ai fatti... Il ministro per l’Agricoltura Saverio Romano ha annunciato che vuole mettere mano alla promozione del Made in Italy. Ha dato anche le proporzioni: 70% all’estero, 30% in Italia. Immagina campagne coordinate di comunicazione. Ha anche un modello: quello di Vini del Mondo di Spoleto perché, a suo dire, mette insieme l’eccellenza del territorio, del vino e delle Dop. Lo stesso, per dirne una, sta facendo in questi giorni “Chianti Classico è” e lo stesso fanno centinaia di altre manifestazioni in Italia. Per quanto riguarda il vino ha poi aggiunto: bisogna incentivare l’export e sostenere i consumi interni. Bene. Intanto resta ancora da sciogliere l’interrogativo sui destini di Buonitalia che doveva essere il braccio operativo per la promozione del nostro mangia e bevi di qualità. Non sappiamo se Romano abbia fatto visita alla manifestazione spoletina, se sappia, per esempio, che Vinitaly fa quel mestiere in giro per il mondo. Sappiamo però una cosa: il made in Italy per i consumatori italiani sta diventando troppo caro. Allora un suggerimento: misuri, ministro, i feed back delle promozioni (il rapporto costi-benefici reali) e in
attesa dei risultati provi a convincere il governo a ridurre l’iva sui prodotti agroalimentari italiani e
sul turismo (ora scatta pure la tassa di soggiorno). Si tratta semplicemente di passare dalle parole (le
promozioni) ai fatti (il sostegno dei consumi).

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli