02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Libero

I grandi rossi nella scia dell’Amarone ... Comincia in Valpolicella la stagione delle degustazioni. Poi toccherà alla Toscana con il Chianti e il Nobile ... Dall’Amarone della Valpolicella al Chianti Classico, dal Nobile di Montepulciano al Brunello di Montalcino, dal Chianti alla Vernaccia di San Gimignano, dal Bardolino e Chiaretto ai grandi vini di Sicilia, la stagione delle anteprime (la prima è stata in Campania, nei giorni scorsi, con l’entrata in scena del Taurasi 2008), entra nel vivo. E mentre cresce l’attesa tra gli appassionati sulle nuove annate dei vini italiani più amati e famosi, da tutto il mondo, operatori e critici, sono già in viaggio verso l’Italia del vino. Una stagione, quella delle anteprime, sempre ricca di nuove tendenze di stile e consumo e che riserva non poche curiosità. Una su tutte: cosa troveranno i wine lovers nel bicchiere? Uno dei vini prediletti da Barack Obama, servito spesso nelle cene della Casa Bianca: l’Amarone, amatissimo oltreconfine e inserito dalla critica enologica tra i migliori vini al mondo - nella top 100 dell’influente rivista Usa “Wine Spectator” con tre etichette (Allegrini, Zenato, Nicolis) - è protagonista con la vendemmia 2008, da oggi al 29 gennaio, nel Palazzo della Gran Guardia a Verona (www.consorziovalpolicella.it). Per la critica internazionale quella del Nobile di Montepulciano è, invece, e prima di tutto, “A Noble Cause” (la rivista Usa “Wine Spectator” dixit), per il virtuosismo di un territorio dove Consorzio dei produttori e “pubblico” fanno sinergia, e i cui effetti si toccano con mano proprio con l’anteprima del Nobile nella Fortezza, al centro di un progetto di recupero che li vede entrambi protagonisti (18-20 e 23 febbraio, con il Nobile 2009 e la Riserva 2008;www.consorziovinonobile.it). E sull’onda di un consolidato successo mondiale di uno dei vini che hanno fatto la storia d’Italia, ci si sposta a Firenze, per la “Chianti Classico Collection”, per l’anteprima delle annate 2011, 2010 e della Riserva 2009 del Chianti Classico (20-22 febbraio;www.chianticlassicocollection.it). È poi la volta di “Benvenuto Brunello” (Montalcino, 24-27 febbraio;www.consorziobrunellodimontalcino.it) delle “super-stelle”: cinque (il massimo del rating dato alle vendemmie) al Brunello 2007, cinque alla Riserva 2006 (e cinque all’annata 2010, in degustazione c’è il Rosso). Sarà, invece, una prima delle prime l’anteprima del Chianti (Firenze, 18 febbraio;www.consorziovinochianti.it) dedicata al 2011 della denominazione che abbraccia praticamente quasi tutto il territorio toscano. La versione bianca della Toscana? Arriva il 19 e 20 febbraio, a San Gimignano, con l’anteprima della Vernaccia e l’annata 2011 del vino cantato da Dante, Boccaccio, Michelangelo e Lorenzo de’ Medici (www.vernaccia.it). Con la primavera arriveranno poi anche le vendemmie 2011 del Bardolino, espressione della “nuova Italia” del vino per la celebre rivista britannica “Decanter”, e della sua versione rosa, il Chiaretto, tra i protagonisti del successo crescente che i rosè riscuotono tra i winelovers (Lazise, 11 marzo;www.ilbardolino.com). Il gran finale? Sull’Etna, per “Sicilia en primeur” (20-22 aprile;www.assovinisicilia.it), con i grandi vini siciliani che, al solo sentirli, fanno venir voglia di partire.


Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su