02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
FINE WINES

Liv-ex: a metà 2018 sul mercato secondario dei fine wine perde quota Bordeaux, corre la Borgogna

Bene anche le etichette top del Belpaese, che rappresentano il 7,3% delle contrattazioni. Su lo Champagne ed il Rodano, scende il resto del mondo
Bordeaux, BORGOGNA, CHAMPAGNE, FINE WINES, ITALIA, LIVEX, MERCATO, RODANO, Mondo
Crolla la quota di Bordeaux sul mercato secondario del vino

Non si arresta la normalizzazione del mercato secondario dei fine wine, dove i grandi vini di Bordeaux continuano sì a giocare il ruolo di protagonisti, ma senza più cannibalizzare gli altri grandi territori enoici. Come raccontano i numeri del Liv-ex, al giro di boa del 2018, la borsa delle compravendite delle etichette top, sono lontani i tempi in cui Bordeaux rappresentava il 95% delle contrattazioni: era il 2010, e da allora la quota dei bordolesi è andata erodendosi anno dopo anno, scivolando sino al suo nuovo record negativo del 60,7% a giugno 2018, in crollo verticale sul 68,3% del 2017. Tanti sono i motivi di questo stravolgimento, in primis un livello di prezzo eccessivo, cui la Cina ha voltato le spalle già dal 2011, e poi un mercato che ha allargato i propri orizzonti, con un gran numero di nuove etichette a destare l’interesse di collezionisti ed investitori.
Dietro Bordeaux, così, cresce la share della Borgogna, “casa” del re delle aste, Romanée-Conti, che passa dal 12,5% del 2017 al 14,7% del 2018, grazie ad un ampliamento enorme delle etichette trattate: ben 1.573 hanno animato le contrattazioni nel 2017, sei volte in più del 2010, per un giro d’affari che, in soli tre anni, è passato da 3 a 9 milioni di sterline. Ma non c’è solo la Borgogna a guadagnare quote di mercato, corrono anche l’Italia, i cui vini top (Masseto, Ornellaia,Sassicaia, Solaia, Tignanello, Gaja Sorì San Lorenzo, Gaja Barbaresco, Giacomo Conterno Barolo Cascina Francia, Antinori Guado Al Tasso e Tua Rita Redigaffi) valgono oggi il 7,3% del mercato secondario dei fine wine (il 6% nel 2017), Champagne, che schizza al 7,6% (dal 6% del 2017) e Rodano, ancora indietro, ma che oggi muove il 2,9% del mercato. In controtendenza, invece, i vini del resto del mondo, ossia le bottiglie più rappresentative di Usa, Spagna, Australia, passati dal 5% del 2017 al 4,4% del 2018.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli