02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Lungarotti, Doc Torgiano Bianco Torre di Giano Vigna del Pino 2018

Vendemmia: 2018
Uvaggio: Vermentino, Grechetto, Trebbiano
Bottiglie prodotte: 10.000
Prezzo allo scaffale: € 23,00
Proprietà: famiglia Lungarotti
Enologo: Lorenzo Landi, Vincenzo Pepe
Territorio: Umbria

Difficile quando si parla dell’Umbria enoica non menzionare il ruolo fondamentale giocato dalla famiglia Lungarotti per lo sviluppo di questo comparto nel cuore verde dell’Italia. La cantina - fondata nel 1962 da Giorgio Lungarotti, imprenditore del vino e vero e proprio pioniere per l’enologia tricolore tutta, in quanto a rilettura dei metodi produttivi sia di cantina sia del vigneto, che s’inventò una denominazione e poi istituì, negli anni Settanta del secolo scorso, il primo museo del vino italiano - oggi conta su 250 ettari di vigneto, comprensivi degli appezzamenti acquisiti nel 1999 a Montefalco, producendo 2.500.000 bottiglie all’anno. Il portafoglio etichette è molto articolato e comprende vini sia bianchi che rossi, da quelli più immediati e destinati al largo consumo, a quelli da rubricare come veri e propri grandi vini da invecchiamento, capaci di stare al pari con i migliori del panorama enoico del Centro Italia. Con la denominazione Torgiano ormai da considerarsi come una vera e propria componente aziendale. Fra i bianchi, spicca il Torre di Giano, in particolare la selezione speciale Vigna del Pino, fra i primi bianchi italiani vinificati in legno. Morbido di miele di tiglio e dolce di pere e gelsomino, ha un piglio appuntito che si ritrova al sorso, fresco e minerale, arrotondato dalla morbidezza ammandorlata e dalle spezie pepate. Un vino che chiama l'accompagnamento gastronomico.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli